Cristiano Ronaldo, ex fuoriclasse del Real Madrid, è tornato sull’annosa questione riguardante il dualismo con l’eterno rivale, Leo Messi

Uno, ha legato gran parte della propria carriera, con un doppio filo blaugrana, a quella del Barcellona. L’altro, è stato uno degli inquilini più influenti dell’intera Casa Blanca di Madrid. Attraverso le loro reti e le loro giocate, hanno monopolizzato il gioco del calcio degli ultimi quindici infrangendo record ed entrando a piedi pari nella storia di questo sport conquistando dodici edizioni del Pallone d’Oro (fino adesso). Cristiano Ronaldo e Lionel Messi sono fenomeni generazionali, capaci di riscrivere interi capitoli del calcio mediante la legge non scritta del: “Chi preferisci tra i due?”.

Ogni appassionato di questo sport ha posto, o si è posto, questo quesito decine di volte. A dirimere una volta per tutte, o quasi, l’annosa questione, ci ha provato il fuoriclasse portoghese. Intervenuto dal ritiro della Nazionale, Cristiano Ronaldo ha definitivamente teso la mano verso l’argentino dichiarando: “C’è stata grande rivalità, inutile negarlo. Ma c’è stato anche grande rispetto. Il fatto che abbiamo tentato di prevalere l’uno sull’altro per tutti questi anni, ha migliorato anche noi stessi. Chi ama Messi non può odiare Ronaldo, mi sento di dire questo.

È vero, non ci siamo mai ritrovati nello stesso tavolo a mangiare, ma nutro sempre grande rispetto nei suoi confronti. La nostra rivalità non andrà avanti, non è più così. Abbiamo condiviso i migliori palcoscenici per 15 anni e ci rispettiamo a vicenda: ognuno va avanti per la propria strada, ma senza odio”.

Oltre all’articolo: “Cristiano Ronaldo tende la mano a Messi: “Prima rivali, ora…”, leggi anche:

Articolo precedenteSiviglia, Sergio Ramos: “Voglio alzare un titolo. Sul PSG…”
Articolo successivoNapoli, parla l’agente di Kvara: “Nessuna intenzione di andare via”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui