REINA CORONAVIRUS – Pepe Reina è stato intervistato dalla nota radio spagnola Cadena Cope. L’ex portiere di Barcelona, Villareal, Bayern Monaco, Napoli, Milan e attualmente in prestito all’Aston Villa, ha detto di essere stato probabilmente colpito dal Coronavirus, ma che non avendo fatto il test, non può esserne sicuro.

«È come essere stati travolti da un camion» racconta il portiere trentasettenne. «Ora sto bene, ma ho avuto tutti i sintomi. Anche il dottore ha confermato che potrei averlo preso. L’aspetto più drammatico di questa situazione è che nessuno mi ha fatto il tampone e quindi non saprò mai se l’ho preso».

CORONAVIRUS REINA – Poi aggiunge: «Ho preso tutte le precauzioni del caso per non contagiare chi mi sta vicino, ora mi sento bene per fortuna. Dobbiamo rispettare le norme di sicurezza che ci sono state imposte. Solo così ne potremo uscire. Quello che conta è solo la salute, l’aspetto sportivo, il calcio in generale, assumono una importanza secondaria. Cosa ne penso della ripresa dell’eventuale ripresa del campionato? Giochiamo quando ci sarà la possibilità di farlo, anche se senza pubblico non ha molto senso».

Il portiere dell’Aston Villa conclude affermando che «Noi calciatori siamo una categoria di privilegiati. Per me è facile restare in isolamento, le persone che hanno veramente i coglioni sono quelli che vivono in un appartamento di settanta metri quadri con più figli. Loro sono i veri eroi, di certo non noi calciatori. Seguo tutto quello che sta succedendo in Italia e Spagna, e quello che mi fa stare più male è vedere che le famiglie non possono salutare i loro cari che se ne vanno».

Articolo precedenteMoratti Cremonese, l’ex patron dell’Inter potrebbe acquistare il club
Articolo successivoCoronavirus Maldini: “Il peggio è passato. Follia giocare Liverpool – Atletico a porte aperte”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui