Coppa d’Africa 2023: nella finale della competizione, la Costa d’Avorio raggiunge la vittoria da padrone di casa grazie ad Haller

Per la terza volta nella propria storia, la Costa d’Avorio alza al cielo la Coppa d’Africa, nella finale più importante della propria storia, in quanto padrone di casa, quando sembrava ad un passo dalla clamorosa eliminazione già nella fase iniziale, complice il terzo posto nel girone anche a causa di una sconfitta nella gara contro la Nigeria, avversaria di questa sera nella finale. E questa partita aveva già fatto temere il peggio ai fini del risultato finale per il vantaggio Nigeria firmato da Troost-Ekong, mattatore di quella stessa partita nel girone.

Gli ospiti, tuttavia, non hanno fatto i conti con il Presidente, Franck Kessie, ex centrocampista del Milan, autore della rete del pareggio e, soprattutto, con la favola di un centravanti che ha dato un calcio definitivo alla malattia che sembrava averne compromesso la carriera. Sebastian Haller, infatti, è risultato decisivo con la rete del 2-1 al minuto 81, che ha ribaltato il risultato e consentito alla Nazionale padrone di casa di conquistare l’ambitissimo Trofeo otto anni dopo l’ultima volta, ben trentuno dopo il primo, datato 1992.

Per ciò che concerne la prestazione dei singoli, i diversi calciatori appartenenti alla Serie A, tra cui Osimhen e Chukwueze, hanno steccato l’appuntamento più importante. In particolare, l’esterno rossonero è stato sostituito al minuto 56 dopo una prestazione senza particolari spunti degni di nota. La Costa d’Avorio ringrazia e conquista un trionfo storico, concludendo un percorso di gloria che, appena due settimane fa, appariva ampiamente compromesso.

Oltre all’articolo: “Coppa d’Africa: la favola Haller regala la finale alla Costa d’Avorio”, leggi anche:

Articolo precedenteGenoa-Atalanta, Gasperini: “Oggi è stato difficile”
Articolo successivoMilan, attento: il PSG ti soffia Leao

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui