Antonio Conte, tecnico tra i più ambiti in Europa e svincolato da un anno esatto, è pronto a ripartire con una nuova avventura: le sue parole

La destinazione finale resta un mistero, probabilmente nemmeno lui stesso conosce con precisione quale sarà, ma una cosa è certa: Antonio Conte, dopo un anno, è pronto ufficialmente a ripartire. Con più energia che mai, a suonare la carica e giurare battaglia alle avversarie cambiando anche sistema di gioco, se necessario. Il tecnico salentino, per sua stessa ammissione ai microfoni del Telegraph, sarebbe pronto a rivedere un modulo improntato sulla difesa a tre e prevederne un altro, stravolto, sulla difesa a quattro. Il tutto, rispettando fedelmente un concetto, quello dell’equilibrio, e basandosi sull’unico verbo ammesso nel proprio vocabolario: “Vincere”.

“Vincere sempre, per tutto ciò che ho fatto in questi anni, per la mia storia da calciatore e da allenatore e per ammirare i trofei conquistati puntando sempre a quelli nuovi. Ho vinto e devo continuare a farlo per essere celebrato, altrimenti gli altri aspettano di festeggiare per il mio fallimento. Esaltarsi per un quarto posto o una qualificazione Champions mi sembra alquanto strano per il mio concetto di interpretare e respirare calcio, sono onesto anche con me stesso”, ha dichiarato Conte ai microfoni del quotidiano britannico.

Conte confessa: “Pronto a ripartire cambiando sistema di gioco”

Uno dei chiari riferimenti, riguarda l’ultima esperienza vissuta al Tottenham, conclusasi ufficialmente nel marzo 2023 e in seguito all’ottavo di finale di Champions contro il Milan, risolto da un tuffo di testa in tap-in di Brahim Diaz. Il tecnico ha dunque spiegato in che modo ha affrontato quest’anno ai margini del calcio, per ricaricare definitivamente le pile e tornare in sella ad una panchina: “Mi sono dedicato alla famiglia, a me stesso dopo un periodo davvero stressante e complicato in cui ho perso persone importanti e amici a cui tenevo molto (Vialli, Mihajlovic e Ventrone, ndr), e per andare a trovare i miei genitori. In particolare, mio padre mi ha chiesto di alzare al cielo una Champions League: è anche il mio sogno e farò di tutto per realizzarlo”, ha confessato il tecnico.

Vincere, vincere e ancora vincere: un concetto basilare, difficile da raggiungere ma unico presupposto per tornare più carico che mai e giurare battaglia alle pretendenti: Antonio Conte è pronto a tornare in pista dopo un lungo periodo ai box. Per la destinazione finale, è solo questione di tempo

Articolo precedenteMilan-Rennes, Pioli: “Stiamo bene, importante prenderci qualche vantaggio”
Articolo successivoTorino alla ricerca del sostituto di Juric: Tudor in pole; Gattuso…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui