COMUNICATO CURVA NORD INTER CONTE – Poco dopo l’annuncio di Antonio Conte come nuovo tecnico dell’Inter, la Curva Nord nerazzurra ha voluto chiarire alcune cose. Innanzitutto il proprio pensiero sul nuovo allenatore, ex storico della rivale Juventus e secondariamente la distanza proprio dal mondo bianconero. Ecco il comunicato integrale apparso sulla pagina Facebook ufficiale della curva, L’urlo della Nord.

 

Comunicato Curva Nord Inter su Conte

“NOI NON SIAMO LA JUVE

Annunciato arrivo del nuovo allenatore, puntualizziamo in maniera ferma e decisa che la Curva Nord non può certo dimenticare il suo passato bianconero e giudiziario. Da garantisti quali siamo e saremo sempre, accettiamo il fatto che da certi ‘sospetti giudiziari’ il nuovo mister si sia svincolato espiando le sentenze che l’hanno riguardato, sebbene rimanga indelebile la ‘colpa’ per la lunghissima militanza in una società da cui ci riteniamo lontani anni luce per stile e valori.

Inutile nascondere che la scelta di una persona col passato di Stellini nello staff tecnico ci preoccupa moltissimo ma, sebbene consci dell’apporto tecnico che le innegabili qualità professionali di Conte possano fornire al percorso futuro dell’Inter, la nostra preoccupazione riguarda soprattutto l’aspetto morale che vorremmo fosse dimostrato in futuro.

[df-subtitle]NOI NON SIAMO LA JUVE. PER NOI VINCERE NON È L’UNICA COSA CHE CONTA!!![/df-subtitle]

Essere interista significa vincere nel rispetto dell’avversario, accettare la sconfitta, le sentenze e non cercare alibi. Il nostro messaggio e augurio è pertanto quello che mister Conte e con lui anche Marotta, si affidino a Lele Oriali e a Zanetti ed assimilino presto lo spirito di fratellanza che sta al centro dell’essere Inter e che non deve aver nulla a che vedere coi risultati sportivi.

Si può vincere e si può perdere ma la dignità non deve mai venire meno; gli isterismi e le frustrazioni bianconere le seppellisca a Torino. Noi non abbiamo e non vogliamo avere scheletri nell’armadio, non vantiamo titoli che ci son stati tolti per i nostri comportamenti illeciti; rispettiamo le sentenze e non facciamo uso della ‘memoria’ per raccogliere consensi con ipocrisia. Noi siam quelli che hanno avuto la signorilità di applaudire l’ingresso in campo del Milan dopo la conquista del mondiale, siam quelli che non hanno abbandonato i propri giocatori vittime di gravi malattie anche dopo che hanno lasciato la società, noi siamo quelli che ricordano i propri eroi ispirandosi ai loro valori non ai loro successi.

Essere interista significa rispettarne la storia, la tradizione sportiva, la sua gente e soprattutto la città che rappresenta sempre con Onore. Buon lavoro mister Conte con l’augurio di dimostrarci presto di esser all’altezza dell’Inter perché… NOI NON SIAMO LA JUVE”.

Articolo precedenteLecce, Liverani: “Provare sempre a giocare e cambiare. Poco entusiasmo iniziale, poi rispetto”
Articolo successivoMercato Napoli, dopo Di Lorenzo ecco Veretout

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui