In diretta a “Taca La Marca”, programma in onda su Radio Musica Television, è intervenuto Sandro Cois, ex calciatore di Fiorentina e Torino. Sandro Cois si è soffermato sulla ripresa del calcio e su tanti altri temi.

Ecco quanto emerso.

La ripresa: “Sono d’accordo con la ripresa, bisogna provare a tornare alla normalità e sappiamo l’importanza del calcio anche sul piano economico. Ci sono dei rischi e sono d’accordo sulla possibilità di correrli”. 

Commisso: “E’ arrivato con tantissimo entusiasmo, è un grande tifoso della Fiorentina e come prima cosa cercherà di risolvere la questione stadio. Sicuramente verranno fatti degli investimenti giusti per raggiungere obiettivi importanti e già quest’anno la viola può cercare l’Europa”. 

Pezzella, idea per il Napoli:Pezzella è un giocatore di alto livello con tanta esperienza, conosce bene il calcio italiano e potrebbe aiutare gli azzurri”. 

Ilicic: “L’hanno mandato via da Firenze, perché non è riuscito a dimostrare il suo valore. A Bergamo è cresciuto tantissimo, trovando la giusta la continuità. È arrivato a un livello così alto da poter giocare in una grande squadra”.

Chiesa: “È nato a Firenze e tiene molto al club, perfezionando le sue qualità sotto porta può diventare il migliore nel suo ruolo. Nel futuro potrà essere il titolare delle migliori squadre europee. Per trattenerlo bisogna ambire ad obiettivi molto importanti come la Champions”. 

La protesta di Mondonico in Ajax-Torino, finale di ritorno Coppa Uefa ’92: “Quella protesta riguardò un rigore mancato. Fu una partita delicata, ci giocammo la Coppa Uefa che non riuscimmo a vincere. Mondonico si arrabbiò molto, era una persona passionale e a lui devo molto”. 

Sfide europee: “I ricordi della Champions sono indelebili, abbiamo giocato contro grandi squadre e se non ci fosse stato annullato un gol regolare a Valencia avremmo potuto continuare la nostra cavalcata”. 

Edmundo: “È uno dei giocatori più forti con il quale abbia giocato. Nella mia carriera ne ho visti pochi come lui, tanto forte quanto pazzo. Se avesse avuto la testa di Maldini avrebbe vinto 3 palloni d’oro. Anche a causa della sua sregolatezza perdemmo uno Scudetto”.

Veretout: “Se trova la continuità diventerà molto forte. Non è solo grinta ma possiede anche tanta tecnica. Quest’anno ha avuto un andamento altalenante, se fossi la Roma non lo cederei”.

Articolo precedenteMassimo Paci: “Kulusevski dovrà dimostrare le sue qualità anche alla Juventus. Sarri? A Napoli abbiamo visto il gioco più bello di Italia”
Articolo successivoOsita Okolo manager Osimhen: “In campo è una tigre, ha studiato Mario Gomez. Il Napoli gli piace, ma in Italia c’è il problema del razzismo…” – ESCLUSIVA EC

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui