Club Napoli Cagliari

Sardegna, paradiso per milioni di persone da tutto il mondo che in estate affollano le spiagge paradisiache. Un’isola invidiata da tutti ma con dei retroscena che mai andremo a pensare.

Da Wikipedia strappiamo questa definizione: “La Sardegna è una grande isola italiana situata nel Mar Mediterraneo e caratterizzata da circa 2000 km di costa, spiagge sabbiose e da un entroterra montuoso attraversato da sentieri escursionistici. Il suo paesaggio frastagliato è costellato da migliaia di nuraghi, misteriose rovine in pietra dalla forma ad alveare, costruiti nell’Età del Bronzo”.

Chi va per svago in Sardegna visita tanti posti come CALA MARIOLU Punta Ispulgi – Baunei – Ogliastra, CALA SPINOSA Santa Teresa Gallura – Olbia-Tempio, CALA COTICCIO Isola di Caprera e così via ma non tutti sanno dell’esistenza di un vero e proprio teatro azzurro, il CLUB NAPOLI CAGLIARI.

Abbiamo il piacere di intervistare ai nostri microfoni in Esclusiva il Presidente Antonio De Falco:

D: Presidente buonasera, innanzitutto la ringraziamo per quest’intervista. La prima domanda sorge spontanea come dice il grande Antonio Lubrano . Come avete pensato di creare questo club Napoli Cagliari?

P: Ciao Diego, grazie per lo spazio che ci concedete per raccontare la nostra storia, tutto nasce inizialmente dall’idea di un piccolo gruppo di amici stanchi di guardare le partite a casa da soli, vederle in solitudine vittorie o sconfitte è una grande sofferenza. Imparagonabile nello stare tutti assieme gomito a gomito in una sala con un maxi schermo. Questa idea viene anche dalla malinconia di vivere fuori casa e su un isola. Oggi lo stare assieme, il parlare la nostra amata lingua napoletana, il discorrere non solo di calcio ma anche di pietanze e avvenimenti, ci ridona in quelle ore la nostra Napoli, la solitudine svanisce appena si entra al club e oggi quel piccolo gruppo è diventato una bellissima e grande famiglia a tutti gli effetti . Un piccolo ma credetemi grande miracolo che sta riunendo tantissimi napoletani e di questo ne siamo orgogliosi.

D: La frase non c’è mare che ci separi com’è stata ideata?

P: Come club abbiamo la buona abitudine di condividere tutto e mettere poi a votazione, tanti soci hanno proposto la propria idea, poi dopo le votazioni è stata premiata quella attuale.
Come presidente sono molto orgoglioso della civiltà e dell’educazione dei soci, che pur essendo tantissimi, riescono a convivere nella chat di whatsapp senza mai ingolfarla di inutili messaggi, ma comunque tenendola viva e reattiva . Vivere in un isola non è facile, la Sardegna è un paradiso terrestre ma è molto penalizzata per i trasporti e questo neo ci fa sentire più lontani dalla nostra amata città e famiglie.

D: Seguite spesso il Napoli, ultima apparizione al S.Paolo con il Liverpool. Ci racconta la magica serata?

P: Napoli Liverpool è stata una grande sorpresa, poiché la partita la davano in chiaro e ci aspettavamo una piccola affluenza, ma come ho detto prima, abbiamo ricreato la nostra Napoli oltre mare, sono venuti tanti tifosi e anche una coppia in vacanza in sardegna, che saputo della nostra esistenza si sono fiondati da noi trascorrendo una bella serata in compagnia e con la tanta immensa gioia che ci ha regalato il nostro magico Napoli. Alcuni nostri soci sono andati al San Paolo e hanno scambiato la nostra sciarpa con altri Napoli Club.

D: Ci sono tanti club Napoli nel mondo, siete in contatto?

P: Si siamo in contatto con più di 100 Napoli Club italiani e stranieri. Tramite la chat e altri social siamo in contatto giornaliero con tantissimi Napoli Club. Tra i quali Gruppo Parthenope dei Navigli, Cercola Partenopea, Napoli Club SMCV, Cava dei Tirreni e tanti altri.

D: Cosa pensa del Napoli di quest’anno e della campagna acquisti ?

P: Io credo che il Napoli si sia rinforzato e la campagna acquisti sia stata fatta con intelligenza, anche le uscite dei giocatori che ormai non trovavano spazio nel Napoli sono stati venduti molto bene. Ci aspettiamo un grande campionato e siamo fiduciosi che Mister Carlo Ancelotti ci regalerà grandi soddisfazioni e finalmente un trofeo .

D: Cosa si aspetta quindi dal Napoli quest’anno?

P: Mi aspetto un grande Sogno, poter prendere una nave con tutti i soci del club e partire per Napoli per assistere a una partita decisiva ! Se siamo uniti e restiamo tutti positivi sono certo che accadrà.

D: Tra poco ci sarà Napoli – Cagliari come sentite questa partita? e a Cagliari come viene giudicato questo Club?

P: Questa partita ,parlo da presidente , è il nostro derby, anche se poi infondo è uguale alle altre. Purtroppo c’è un astio legato allo spareggio del 1997 del Cagliari con il Piacenza allo stadio San Paolo. Spero al più presto che si possa chiudere questo capitolo e aprirne un altro all’insegna “siamo del Sud coalizziamoci contro i poteri sportivi del nord”.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione dell’articolo e dei media presenti è consentita previa citazione della fonte e dell’autore

Articolo precedenteESCLUSIVA – Agliardi: “Padova tosto e gagliardo, e quel 3-0 a Trieste…”
Articolo successivoSerie A: una poltrona per… tre?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui