Clamoroso Dimarco – Federico Dimarco, terzino dell’ Inter, è stato ospite nella serata di ieri della trasmissione “Stasera C’è Cattelan” in onda su Rai 2. Il giocatore nerazzurro ha concesso un’intervista senza peli sulla lingua svelando, inoltre, interessanti retroscena legati alla spinosa questione riguardante l’addio in Estate di Romelu Lukaku.

Clamoroso Dimarco – Di seguito le sue dichiarazioni:

Quanto conta essere di Milano e giocare nell’Inter?

“Quanto è bello… Essere di Milano e giocare nella squadra per cui tifavi da bambino è un’emozione davvero bella”.

Hai mai avuto paura di non tornare all’Inter?

“Ci sono stati momenti in cui ho toccato davvero punti bassi, come a Sion quando mi sono rotto il metatarso o a Parma quando ho rotto il tendine dell’adduttore. Grazie al mister avuto a Verona (Ivan Juric, ndr) sono riuscito a riguadagnarmi l’Inter”.

Tuo padre ha ancora il negozio di frutta e verdura?

“Sì, assolutamente. Vado a comprarla, la pago! Gratis non mi dà niente (ride, ndr)”.

Il colpo di testa rimpallato da Lukaku in finale di Champions League?

“Te lo dico dopo quello che ho detto, qui non si può dire…”.

Da dove viene la tua esultanza?

“E’ nata perché io e i miei amici, con cui gioco a Pro Club, guardavamo uno sketch dei Soliti Idioti al supermercato dove c’era uno di loro che faceva lo stesso gesto. Lo abbiamo guardato per tre giorni di fila perché faceva troppo ridere e da lì ho deciso di esultare in quel modo”.

Come è stato il periodo del mancato ritorno di Lukaku?

“E’ successo quello che c’è scritto dappertutto. Ci sono rimasto un po’ male perché sono stato vicino a lui tutto l’anno. Non entro nel merito perché ora è in un’altra squadra. Ora torna a San Siro? Siamo carichi, come per tutte le partite”.

Articolo precedenteInfortunio Sportiello: fuori più di un mese il sostituto di Maignan!
Articolo successivoIl Napoli e Zielinski più vicini: il polacco vuole il rinnovo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui