[df-subtitle]Cissé si accasa al Vicenza 1902, società di due imprenditori francesi che non è iscritta a nessun campionato[/df-subtitle]

Dopo l’esperienza in Svizzera, Djibril Cissé, attaccante francese ex Marsiglia, Liverpool e Lazio, torna in Italia, firmando col Vicenza 1902. Normale l’accostamento allo storico Lanerossi, club fallito a gennaio e rilevato nei mesi scorsi da Renzo Rossi, che ha effettuato la fusione col Bassano.

Ebbene, la risposta è negativa. Perché parallelamente due imprenditori transalpini, Christian Payan e Brice Desjardins – inizialmente intenzionati a rilevare lo storico club veneto – hanno fondato l’AC Vicenza 1902, una sorta di “Vicenza 2”. Questa società non è al momento iscritta ad alcun campionato, anche se è stata inoltrata la richiesta alla FIGC.

Desjardins, presente alle vecchie due aste deserte per l’acquisto della società finita poi a Rosso, ha parlato oggi a “Il Giornale di Vicenza“: “Non abbiamo presentato offerte perché non eravamo d’accordo con le condizioni del bando. Ma non abbiamo smesso di lavorare. Conosco le leggi federali e la Fifa non accetterà mai il trasferimento della Virtus a Vicenza. È una cosa mai vista. Se le cose non andranno bene siamo pronti a salvare la storia del Vicenza“.

E anche Cissé ha espresso le sue prime sensazioni: “Volevo smettere ma mi sono fatto convincere da Payan. Sono qui per dare una mano e fare da nonno a questa squadra di giovani“.

Articolo precedenteInter, Thohir: “Nel mio ufficio solo maglie nerazzurre. Sulla cessione a Suning…”
Articolo successivoChievo, Sorrentino è stato dimesso dall’ospedale

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui