CINA LIPPI COMMISSARIO TECNICO – Clamoroso in Cina. Marcello Lippi si dimette da commissario tecnico della Nazionale. Il motivo di tale scelta va ricercato nella pesantissima e inaspettata sconfitta per 2-1 subita contro la Siria. Questo match era valido per le qualificazioni mondiali (valide in questo turno anche per l’accesso alla Coppa d’Asia 2023, dove però la Cina è già qualificata in quanto Paese ospitante).

Il c.t. campione del Mondo con l’Italia a Berlino 2006 ha dichiarato: “So che ho uno stipendio alto, anzi altissimo. E io non voglio rubare lo stipendio. Se una squadra gioca così, senza grinta, senza lottare, senza cuore allora bisogna fermarsi e capire che c’è qualcosa che non va. Io sono l’allenatore e devo prendermi tutte le responsabilità. Da oggi non sono più il c.t. della Cina. Saluto e ringrazio tutti”. Lippi aveva già lasciato l’incarico a gennaio 2019 dopo una sconfitta con l’Iran, tornando però in panchina nel maggio successivo dopo le dimissioni di Fabio Cannavaro.

CINA LIPPI COMMISSARIO TECNICO – Nella delicata sfida giocata sul neutro di Dubai, la Cina è andata subito sotto a causa del gol siglato da Omari. Il pareggio di Wu Lei aveva dato nuova linfa ai dragoni, ma l’autorete di Zhang Linpeng ha deciso la gara a favore dei siriani al 76’.

La classifica del gruppo A vede ora dopo 4 giornate la Siria in testa a quota 12, a +5 sulla Cina che è stata raggiunta dalle Filippine al secondo posto. Alla successiva fase delle qualificazioni asiatiche (3° turno) approdano le vincenti degli otto gruppi e le quattro migliori seconde (di cui attualmente la Cina fa parte). Dal 3° turno in poi, le qualificazioni al Mondiale 2022 e alla Coppa d’Asia 2023 non saranno più sovrapposte. Il cammino quindi si complica per la Cina.

Articolo precedenteTra Allan e il Napoli si è rotto qualcosa. E il Psg…
Articolo successivoManchester City, ora è UFFICIALE: il Tas dichiara inammissibile il ricorso sul FPF

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui