CHAMPIONS NAPOLI SALISBURGO – Primo match point fallito dal Napoli che, vincendo, si sarebbe qualificato matematicamente agli ottavi con due gare d’anticipo. Peccato, ma poco male: bastano due punti nelle prossime due gare. Anche se la prossima non sarà semplicissima visto che gli azzurri andranno ad Anfield a sfidare il Liverpool (che oggi ha vinto 2-1 contro il Genk e si è portato in testa al gruppo).

 

CHAMPIONS NAPOLI SALISBURGO – La Partita

Ancelotti preferisce Maksimovic a Manolas come compagno di Koulibaly e Lozano a Milik come spalla di Mertens. Largo a sinistra c’è Insigne. Nel Salisburgo c’è il fenomenale Haland, obiettivo della Juventus.

Inizio promettente del Napoli che sfiora il gol in due occasioni nei primi 10 minuti: prima è bravissimo Coronel a sventare il quasi autogol di Onguènè e poi Zielinski dall’altezza del dischetto spara incredibilmente alto. A passare in vantaggio sono però gli ospiti. Koulibaly interviene in maniera assolutamente scomposta su Hwang e per l’arbitro è rigore. Haland non sbaglia e fa 1-0. Al 13′ incredibile palo di Callejon di testa. Al 23′ ci prova anche Insigne su invito di Callejon ma il numero 24 non trova la porta. Poco dopo la mezz’ora Insigne fallisce un’altra ottima opportunità sparando alto davanti a Coronel. Quasi allo scadere della prima frazione, però, arriva finalmente il pareggio del Napoli. Lozano calcia benissimo dal limite e fa 1-1.

Nella ripresa ci prova ancora il Napoli, sempre con Lozano ma il suo tiro finisce di poco alto sulla traversa. Azzurri anche sfortunati al 73′: Insigne fa partire un tiro-cross stranissimo che beffa Coronel ma si stampa prima sulla traversa e poi sulla nuca del portiere per uscire incredibilmente in calcio d’angolo. Nel finale ci provano ancora gli uomini di Ancelotti con Insigne e Llorente ma il risultato non cambia. Finisce 1-1, il Napoli non vince ma è un pari che non fa nemmeno troppo male anche se ora gli azzurri sono secondi nel girone.

 

Il Tabellino

NAPOLI (4-4-2): Meret; Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Rui (46′ Luperto); Callejon, Ruiz, Zielinski, Insigne; Mertens (73′ Milik), Lozano (86′ Llorente). Allenatore: Ancelotti.

SALISBURGO (5-3-2): Carlos; Kristensen, Pongracic (46′ Mwepu), Onguene, Wober, Ulmer; Minamino (61′ Ashimeru), Junuzovic, Szoboszlai; Haaland (75′ Daka), Hwang. Allenatore: Marsch.

ARBITRO: Marciniak (Polonia).

MARCATORI: 11′ su rig. Haland (S), 44′ Lozano (N).

AMMONITI: Zielinski (N); Onguene, Pongracic (S).

Articolo precedenteChampions, da 0-2 a 3-2: l’Inter fa la pazza crolla a Dortmund nella ripresa
Articolo successivoAncelotti diserta conferenza post Salisburgo. Terminato il ritiro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui