[df-subtitle]Di Francesco parla poi di Dzeko, mattatore della serata: “Forse gli piace di più giocare di sera…”[/df-subtitle]

Dopo il brutto stop in campionato contro la Spal, la Roma ritrova la vittoria e lo fa battendo 3-0 il CSKA Mosca nella terza giornata di Champions. Vittoria che permette ai giallorossi di salire al comando del girone G in compagnia del Real.

Nel post partita, Eusebio Di Francesco ha parlato ai microfoni di Sky: “Come si passa dai fischi agli applausi in tre giorni? Questa è un po’ la mia squadra in questo momento. Sabato alle prime difficoltà abbiamo perso il filo logico del nostro gioco, invece oggi abbiamo fatto tante cose interessanti anche soffrendo all’inizio, soprattutto con Vlasic che è un giocatore di ottima qualità. Poi abbiamo preso le misure e abbiamo fatto delle ottime giocate”.

Alla critica di Capello che sottolinea una difficoltà nel recupero del pallone, Di Francesco risponde così: “Sicuramente c’è qualcosa da migliorare e dobbiamo trovare la continuità che non abbiamo mai avuto. Le certezze vengono anche dai risultati. Però sul recupero della palla credo sia un effetto televisivo perché se andiamo a guardare i dati nel primo tempo abbiamo recuperato 13 palloni nella metà campo avversaria perché volevamo essere molto aggressivi. Nel secondo tempo abbiamo voluto a tutti i costi il terzo gol e i primi 10 minuti li abbiamo tenuti costantemente nella loro metà campo. Quindi io vedo tante cose positive anche se sicuramente come ho detto c’è da migliorare tanto. Mi auguro davvero che da stasera si possa ripartire perché sabato è stato un qualcosa di inaspettato sia come prestazione sia come atteggiamento. Ci sono stati alcuni episodi che so solo io che non mi sono piaciuti e che spero di aver sistemato per far capire a tutti come si preparano le partite”.

Su Dzeko: “80 gol in 150 partite con la Roma? Se avesse segnato anche sabato sarebbe stato ancora meglio. Scherzi a parte devo dire che è un giocatore straordinario che quando ha la sua giornata riesce a far giocare bene tutti. A volte da la sensazione di essere svogliato ma vi assicuro che è un grande professionista e prepara le partite al meglio, magari capita la giornata storta in cui è vero che sembra indolente però quando c’è con la testa è fenomenale. Magari gli piace anche un po’ di più giocare di sera, a prescindere dalla Champions o dal Campionato, mi viene in mente la gara di Napoli dello scorso anno”.

Articolo precedenteUCL, le altre: il Bayern Monaco c’è, tris del City a Kharkiv
Articolo successivoESCLUSIVA EC – Briley (RMC Sport): “Ancelotti determinante per la crescita del PSG. Napoli fantastico, su Mbappé e Cavani…”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui