CFR CLUJ – Prima sconfitta stagionale per il Cfr Cluj, battuto in casa dal Gaz Metan Medias. Prova sottotono per gli uomini di Dan Petrescu, squalificato e seduto in tribuna, che hanno sofferto l’aggressività degli avversari, quasi perfetti dal punto di vista tattico nel chiudere ogni spazio e sfruttare con chirurgica precisione le occasioni create.

Alla fine del match forti critiche all’indirizzo dell’arbitro George Gaman per una serie di episodi dubbi; in particolare due rigori richiesti dai padroni di casa e un gol annullato per presunto fuorigioco.

Con gli uomini contati per gli infortuni di Cestor e Vinicius e la positività al covid 19 di Chipciu, il Cfr parte bene, con pressing alto e imprimendo alla gara ritmi di gioco sostenuti.

Al 13′ Debeljuh si divora un gol già fatto a pochi passi dalla porta; sparando alle stelle su assist dalla destra di Deac. La palla circola veloce e non mancano gli scontri duri, come testimoniano le quattro ammonizioni nei primi venti minuti, due per parte (Itu e Manea per il Cfr, Ciocan e Yuri per gli ospiti).

Il Gaz Metan, con il passar del tempo, prende campo e inizia a creare non pochi problemi alla difesa degli ardeleni. Al 20′ Cardoso spara alto da buona posizione e al 27′ gli ospiti passano in vantaggio. Passaggio filtrante di Ze Manuel per Deaconu, che trafigge Sandomierski con un preciso diagonale; approfittando di una dormita della difesa di casa.

Cluj accusa il colpo e al 31′ rischia il colpo del ko, quando Nuno Valente calcia debolmente tra le braccia del portiere; vanificando una buona azione in contropiede. La reazione dei campioni di Romania si riduce a una pericolosa conclusione dalla sinistra di Djokovic al 38′; deviata in corner da Buzbuchi.

Nella ripresa il Cfr attacca a testa bassa, ma stenta a creare spazi. Buona parte delle azioni si sviluppano sulla fascia sinistra, dove si trovano spesso a duettare Paun, entrato al posto di Itu e Latovlevici, al debutto stagionale e apparso in buona condizione fisica; nonostante il lungo periodo di inattività. Il terzino ex Fcsb mette al centro numerosi palloni, ma la difesa ospite riesce sempre ad allontanare la minaccia.

E proprio nel momento di massimo sforzo del Cfr per agguantare il pareggio, il Gaz Metan raddoppia. Al 60′ Cardoso tira dalla distanza, la palla viene deviata di schiena da Burca e si insacca alle spalle del portiere.

Il Cfr non ci sta e al 65′ chiede un calcio di rigore per un’entrata di Roberto Romeo su Paun, ma l’arbitro lascia correre. Al 68′ Costache devia in porta su azione da corner battuto da Deac; ma il gol viene annullato per una dubbia posizione di fuorigioco.

Al 77′ nuova fase controversa: Alceus sembrerebbe colpire Paun all’interno dell’area, ma l’arbitro concede calcio di punizione dal limite. Cluj insiste e dopo due grandi occasioni fallite da Costache e Rondon, accorcia le distanze con Ciobatariu; lesto a convertire in gol una punizione di Deac finita contro la traversa. Ma ormai l’orologio segna il minuto 91 e nei restanti 4 di recupero non accade più nulla.

Articolo precedenteFrancesco Totti positivo al Coronavirus. La situazione
Articolo successivoNeymar Paris Saint Germain: O’Ney pronto a trattare il rinnovo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui