Cessione Inter: Steven Zhang, Presidente nerazzurro, intende rifinanziare il prestito ricevuto dal Fondo Oaktree scadente a maggio

Zhang non lascia. Anzi, rifinanzia e posticipa l’addio all’Inter rifinanziando il prestito ricevuto dal Fondo Oaktree, scadente a maggio, ritrattando i termini per rimanere in sella alla società nerazzurra, a dispetto delle attese. Secondo quanto affermato da La Gazzetta dello Sport, in edicola stamane, l’intenzione del Presidente sarebbe quella di rifinanziare il debito da 275 milioni di euro escludendo gli interessi al 12%, per un totale ammontante a 350 milioni di euro euro circa, oltre la scadenza fissata al 20 maggio, almeno per altri due anni.

Il plenipotenziario nerazzurro vorrebbe proseguire con la strada del rifinanziamento dopo i diversi ostacoli incontrati sulla valutazione societaria da 1,2 miliardi di euro che, al momento, ha frenato tutti gli acquirenti alla porte di viale della Liberazione. Il mese di aprile, in questo senso, sarà fondamentale per la squadra nerazzurra non solo dal punto di vista del calcio giocato, anche per quello societario, con lo sbarco del Presidente dalla Cina per dirimere questioni cruciali proprio come quella del rifinanziamento del debito contratto.

Cessione Inter: Zhang non lascia, posticipa: avanti con Oaktree

Probabile che, stando a quanto appreso, le percentuali del prestito incrementino rispetto il 12% pattuito tre anni fa, ma la vetrina del Mondiale per Club che si disputerà negli Stati Uniti nel 2025, potrebbe rappresentare un elemento cardine per l’aumento dei ricavi e le proposte da nuovi sponsor pronti a immettere capitali freschi in un club che vola, stabilmente, in alta quota in Italia come in Europa. A dispetto delle attese, dunque, Steven Zhang non lascia, posticipa e cerca di garantire un futuro ancora più radioso al proprio club.

Oltre all’articolo: “Cessione Inter: Zhang non lascia, posticipa: avanti con Oaktree”, leggi anche:

Articolo precedenteLiga, avversarie italiane Champions: Atletico fermato dall’ultima, Barcellona perentorio
Articolo successivoSassuolo, casting per il post Dionisi; non solo Ballardini: i nomi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui