CASSANO – Antonio Cassano è stato ospite a #CasaSkySport dove ha risposto alle curiosità poste in studio e da casa. Queste le sue parole principali:

In questo momento vedo un pò di partite passate, un pò di calciatori in sudamerica, mi manca l’NBA, la Formula Uno, il tennis… ma in questo momento la priorità è la salute. Non sono troppo tecnologico, i giochi… vado più sulla realtà“.
Come diventare calciatore: “La cosa prioritaria è divertirsi fino a 14-15 anni, poi serve madre natura. Ci sono dei buoni giocatori, dei fenomeni… tante situazioni che ti portano a fare il calciatore e anche un pizzico di fortuna non guasta mai. Stranamente sono dimagrito, dovevo farlo dieci anni fa. Un pò mi sono buttato via, tante volte ho oltrepassato il limite. I figli ti fanno cambiare prospettiva delle cose, se ero quello di 20 anni, che insegnamenti potevo dare? Mia moglie mi ha dato una grandissima mano per farmi cambiare e tutto l’amore che si può dare ad un uomo”.
Un rammarico della sua carriera:Ad essere onesto, è quando a 23 anni hai l’opportunità di andare nella squadra più grande della storia e non sfruttarla. Tutti pagherebbero per andare al Real Madrid e io mi sono bruciato. Io stavo per arrivare al top, a Barcellona c’erano Ronaldinho ed Eto’o. Dovevo sostituire Figo, Owen, non potevo dire di no ma ho fatto una grande stupidata a fare disastri“.
Su Fabio Capello:Ha fatto tanto per me, ho perso sedici chili, mi ero rimesso in sesto. Avevo giocato due-tre partite di seguito, poi mi ha messo fuori e ho mancato di rispetto per l’ennesima volta. Lui dà l’anima però tratta tutti alla stessa maniera, poi mi ha ridato alla fine l’opportunità di giocare nelle ultime partite“.
La migliore esperienza da calciatore:La Sampdoria. Venivo da un anno e mezzo bui al Real Madrid, lì ho fatto tre anni e mezzo stratosferici, raggiungendo il quarto posto e una finale di Coppa Italia, oltre che un sesto posto, con una squadra normale. Poi ho conosciuto mia moglie, la gente mi amava. Vivrò qui tutta la mia vita, è una città che mi ha dato tanto“.
Cassano ha ricevuto un audiomessaggio da Piero Ausilio:Per me il miglior direttore sportivo ma non si vende bene, fa bene così. Ha scoperto tanti giocatori“.
Sul Presidente Ferrero:L’idea di fare il direttore sportivo c’è, io amo e vivo di calcio. Farei una proposta a Lele Adani, conosce tutti e servono più persone così nel calcio“.
Sul Bari:Chiudere la carriera lì? Ho avuto la proposta quando ero a Parma da Paparesta, sono stato vicinissimo ma non me la sono sentita, andare in Serie B, ricominciare un’altra volta. Nella propria città si dice che non si deve mai tornare se si ha già giocato. Volevo chiudere alla Sampdoria come volevo”.
Sul Milan:Ho sempre parlato bene, grandi campioni, ho avuto solo problemi con Galliani perché nella mia mente volevo a tutti i costi un rinnovo di contratto. Se non ho il problema al cuore, vinciamo anche il secondo Scudetto. Ibra? Favoloso, preferiva giocare con me perché io giocavo a sua disposizione, come voleva. In allenamento si allenava al 100% con una disponibilità incredibile. Per me è il terzo centravanti più forte della storia dopo Ronaldo e Van Basten“.
Su Guardiola:Un rivoluzionario del calcio“.
I suoi figli:Uno è innamorato del calcio, adora Ronaldo, gioca nell’Entella. Lionel è appassionato di moto. Ronaldo è un grandissimo campione ma non sarà Messi, Maradona, Jordan… Messi l’ha baciato Madre Natura“.
Un commento su Zaniolo:Lo vedo come una mezz’ala di buona attitudine ma non lo vedo come un talento alla Thiago Alcantara o Sancho“.
Su Ilicic:Se avessi avuto la fortuna di incontrare Gasperini… lui è un qualcosa di veramente forte, sembravamo svogliati ma come tocca la palla e come è decisivo…
I legami d’amicizia dal calcio a… fuori: “Totti e Vieri, lui più simile a me“.
Un incredibile ritorno nel calcio: “Solo all’Entella, ho incontrato Antonio Gozzi, una persona squisita che sta facendo veramente tanto“.
Oltre a “Cassano…”, vai qui per tornare in homepage.
Articolo precedenteGabbiadini e il Covid-19: “Ora sto bene, mi sono arrivati 400 messaggi”
Articolo successivoAgente Mbappé: “Senza il Covid-19 sarebbe già del Real! Quest’estate però…”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui