CASSANO – Intervistato dai microfoni de Il Corriere dello Sport, Antonio Cassano ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito all’emergenza Coronavirus che sta affrontando il nostro Paese, la ripresa dei campionati e il taglio di stipendi effettuato dalla Juventus.

CASSANO – Sul taglio di stipendi effettuato ieri dalla Juventus, Fantantonio ha dichiarato: “Se la Juventus ha tagliato gli stipendi è perché quasi sicuramente non si giocherà più questo campionato, vuol dire che lo sanno già altrimenti non lo avrebbero fatto. Possibili correzioni se si tornasse a giocare? Si sarebbe potuto fare di mese in mese. Si sarebbe anche potuto fare a fine giugno. In Serie A è giusto che si faccia un taglio.”

CASSANO – Un pensiero, poi, sulle categorie inferiore: “In Serie B e in Serie C devono trovare la soluzione per non togliere soldi ai giocatori, lì, c’è gente che guadagna 3-4-5 mila euro, che ha fatto mutui per la casa e che ha comprato un’auto a rate. I ragazzi che guadagnano meno farebbero una fatica allucinante.”

Ha aggiunto, poi, sull’eventuale ripresa: “Se si può realmente ripartire? Sono d’accordo con Gravina, ma se eventualmente si ripartisse con gli allenamenti il 3 maggio, servirebbe almeno un mese per la preparazione e questo vorrebbe dire arrivare ad agosto e diventa un massacro per l’anno prossimo. Personalmente farei i playoff per assegnare lo Scudetto.”

Articolo precedenteEysseric coronavirus: “Non si può pensare al calcio quando ci sono vite in gioco”
Articolo successivoZenga Radio Anch’io: “Riprendere d’estate possibile distrazione per i tifosi”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui