Serie A, capienza stadi, parla l’AD: “Ci aspettiamo di salire presto al 75 e poi al 100%”

Dopo le ultime due giornate di Serie A, in cui si sono registrati pochi incassi per le società italiane a causa della decisione di ridurre la capienza degli stadi a soli 5000 spettatori, potrebbe cambiare qualcosa. Infatti, importante in questo senso è l’intervista rilasciata dall’amministratore delegato della Lega a La Gazzetta dello Sport.

SERIE A, L’AD DELLA LEGA SU CAPIENZA DEGLI STADI E GOVERNO

Queste le dure parole di Luigi De Siervo, riportate da Calciomercato.com:

“Nonostante il lavoro del sottosegretario allo sport Valentina Vezzali la politica, ancora una volta, dimostra di non aver capito l’importanza dello sport per gli italiani. Così come dell’attività di base, della competitività del sistema sportivo e soprattutto della Serie A. Dovrebbe essere la locomotiva e invece viene abbandonata con danni permanenti. Ricordiamo che il calcio è una delle principali 10 industrie italiane: appassiona oltre 32 milioni di persone e dà lavoro a più di 300mila. Sono numeri che meritano considerazione e rispetto da parte del governo: versiamo ogni anno 1,2 miliardi di contribuzione, non aiutarci in modo adeguato significa fare un autogol al sistema Italia”.

Poi, aggiunge:

“Almeno avrebbero potuto concedere una rateizzazione, per almeno 3 anni, delle tasse dovute dalle nostre squadre. Mi auguro che, in zona Cesarini, il governo consenta almeno di differire i termini. Si poteva anche prevedere un prelievo della cifra delle scommesse sportive effettuate sulle nostre gare e su cui lo Stato continua a guadagnare miliardi. Ci sono alcune misure a costo zero che possono dare sollievo al nostro settore, come il ripristino della pubblicità per le aziende di betting”.

E ancora:

“È bene ricordare che ad oggi solo i 20 presidenti di A hanno perso oltre un miliardo e mezzo. Rialzarsi e tornare competitivi sarà molto, ma molto complesso. Anche perché negli altri Stati europei hanno deciso di sostenere concretamente lo sport. La scelta di abbandonare il calcio di vertice è folle, tant’è che in paesi vicini come la Francia sono stati destinati oltre un miliardo di aiuti, tra ristori diretti e prestiti agevolati. Rischiamo di pagare questa scelta scellerata per i prossimi 10 anni in cui faremo fatica a essere competitivi”.

Capienza stadi

Allenatori e giocatori di Serie A possono dare a loro volta una mano?

“Tutti devono fare loro parte se vogliamo salvare e sostenere il sistema. Ci aspettiamo, quindi, un gesto di responsabilità seria anche da parte dei protagonisti del gioco. In questo mondo calciatori, allenatori e procuratori rappresentano categorie privilegiate che hanno beneficiato del continuo sviluppo del calcio negli ultimi anni e adesso dovrebbero fare qualcosa di concreto per aiutare la sopravvivenza del sistema. Potrebbero rinunciare almeno a un mese dei loro emolumenti. Non possono essere così egoisti, nascondendosi dietro ai contratti firmati prima del covid, in un’altra epoca. Non possono girarsi dall’altra parte mentre la barca affonda”.

Infine, sulla capienza degli stadi:

“La delibera dell’Assemblea riguardava le giornate di gennaio, per cui da febbraio torneremo certamente al 50%, ma, col supporto del sottosegretario Vezzali ci aspettiamo di salire subito dopo al 75 o poi al 100% come già avviene in Inghilterra. Oltre al danno economico l’assenza di pubblico è anche un danno sportivo. Pensiamo al ritorno delle coppe europee, con le nostre formazioni che si troveranno a giocare all’estero in stadi pieni, e poi non potranno avere il supporto del pubblico in casa”.

LEGGI ANCHE:

Mercato Salernitana-Parma: Simy in crociato e Sepe a Salerno

Juventus, Chiesa out circa 7 mesi: il comunicato dopo l’intervento

Napoli Spalletti: “Osimhen nervoso per non aver segnato. Su Mertens…”

Articolo precedenteMercato Salernitana-Parma: Simy in crociato e Sepe a Salerno
Articolo successivoArteta sul mercato dell’Arsenal: “Vlahovic e Arthur? Ci proviamo”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui