Caos Sampdoria a Verona – Secondo quanto riportato da “Il Secolo XIX“, ci sarebbe stato un acceso diverbio tra Claudio Ranieri, tecnico della Sampdoria e Antonio Candreva. Il motivo di questo litigio, come confermato anche dal tecnico romano in conferenza stampa, sarebbe un confronto chiesto da Ranieri tra Lunedì e Martedì per “chiarire alcuni mal di pancia dell’ esterno“; confronto però che non è mai avvenuto, poichè il centrocampista non si sarebbe presentato. Comportamento che ha portato il tecnico e la società, di comune accordo, ad estromettere il giocatore sia dal gruppo che dagli allenamenti; il tutto a tempo indeterminato.

Caos Sampdoria a Verona – La società starebbe considerando l’ idea di infliggere ingenti multe a Candreva, ma resta da capire se la rottura sia effettivamente insanabile, poichè se cosi fosse, sorgerebbero problemi anche con il club proprietario del cartellino del centrocampista romano, ovvero l’ Inter. Candreva è in prestito dall’ Inter, con un obbligo di riscatto fissato a 2.5 milioni che scatterebbe al primo punto conquistato dai blucerchiati a Febbraio. Un divorzio anticipato quindi, obbligherebbe il classe 87 ad un ritorno anticipato a Milano, cosa non gradita ai nerazzurri; altra soluzione potrebbe essere l’ acquisizione definitiva del cartellino da parte della Samp, per poi rivendere il giocatore.

Si starebbe comunque provando a percorrere la strada della medizione con Federico Pastorello, agente di entrambe le parti, che si sarebbe attivato al fine di ristabilire l’ ordine nel club genovese. Anche Quagliarella, uomo simbolo della squadra, il quale ha avuto un ruolo fondamentale nell’ arrivo di Candreva alla Samp si è attivato per far riconciliare i contendenti.

LEGGI ANCHE:

Articolo precedenteJuventus Morata parla l’agente: “I bianconeri compreranno Alvaro”
Articolo successivoNapoli problema Milik: si fa fatica a trovare acquirenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui