CAMPOLONGHI SIMONE INZAGHI LAZIO – “Se Simone mi chiamasse per entrare a far parte del suo staff, parto adesso a piedi per Roma! Poter lavorare con uno dei più grandi allenatori che ci sono adesso, uno dei tuoi migliori amici, uno con cui sei nato insieme e hai condiviso scuole, gioventù, calcio a livello giovanile sarebbe il coronamento di un sogno”.

In esclusiva ai microfoni di EuropaCalcio.it, Marcello Campolonghi non nasconde la sua ammirazione per l’amico Simone Inzaghi; il tecnico della Lazio sta guidando i biancocelesti verso un traguardo che ad inizio stagione sembrava irraggiungibile: riportare lo Scudetto nella Capitale vent’anni dopo la gestione Cragnotti. Ma la lotta con Juventus e Inter, molto probabilmente, durerà fino alle ultime giornate di campionato.

CAMPOLONGHI SIMONE INZAGHI LAZIO – “Le nostre strade si sono divise – sottolinea l’ex attaccante tra le altre di Brescia, Milan, Cesena, Siena e Reggiana – perché i percorsi sono stati diversi. Ho fatto il corso UEFA A a Coverciano e son riuscito a ritagliarmi un piccolo spazio anche io. So benissimo che Simone ha il suo staff, infatti io non gli ho mai chiesto niente perché ovviamente lui adesso come adesso penso che sia a posto; però se dovesse liberarsi un posto e dovesse pensare a me, sa che su di me può contare al 100%”.

campolonghi simone inzaghi

SUL LAVORO DI SIMONE INZAGHI – “In quattro anni alla guida della Lazio ha acquisito molta esperienza”, ammette Campolonghi, che prosegue: “Simone è cresciuto sotto tanti aspetti; ha preso ancora più conoscenza delle doti e delle caratteristiche dei suoi calciatori e di conseguenza è riuscito ancora di più ad amalgamarli fino a mettere le sue idee in campo. Si è visto ancora di più il suo lavoro quest’anno”.

Cosa è scattato nella testa dei calciatori? Sicuramente la consapevolezza nei loro mezzi: anche se sapevano di aver creato un gruppo forte, non sapevano che potevano lottare per un grande obiettivo come lo Scudetto.

Cosa è scattato nella testa di Simone Inzaghi? Secondo me è scattata la consapevolezza di essere – ripeto – uno dei più grandi allenatori che ci sono adesso”.

campolonghi simone inzaghi 1

[df-subtitle]Qualora dovesse vincere lo Scudetto con la Lazio, secondo te Simone Inzaghi siederà su una panchina prestigiosa l’anno prossimo?[/df-subtitle]

“Secondo me era già pronto l’anno scorso. C’erano voci (Juventus, ndr), ma secondo me era già pronto: lui è pronto per una grande squadra. Premesso che la Lazio è una grande squadra, è chiaro che se dovessero arrivare richieste da un top club secondo me lui è pronto.

LEGGI ANCHE: Lazio, occhio al Psg: i francesi pensano ad Inzaghi, Milinkovic e Marusic

[df-subtitle]Lazio e Inzaghi, una storia da sliding doors: era pronto a guidare la Salernitana quattro stagioni fa…[/df-subtitle]

“Poi Bielsa non ha trovato l’accordo e Simone ha avuto la fiducia di Lotito che ha puntato di lui e lui ha confermato che quella fiducia era ben riposta. Alla guida della Lazio ha già vinto due Supercoppe e una Coppa Italia, ha valorizzato tantissimi giocatori; ha fatto un grande lavoro”.

[df-subtitle]Quali sono i punti di forza della Lazio?[/df-subtitle]

“Oltre a Strakosha, Acerbi, Milinkovic e Immobile aggiungerei anche Lucas Leiva e Luis Alberto; il primo era uno dei perni del Liverpool, il secondo ha dimostrato di essere uno dei più grandi calciatori che ci sono attualmente in Italia. Ne ho già nominati 6 su 11, quindi posso affermare che la Lazio è una grande squadra”.

[df-subtitle]Ciro Immobile riuscirà a conquistare la Scarpa d’Oro quest’anno?[/df-subtitle]

“Glielo auguro vivamente! A fine girone di andata aveva già realizzato 20 gol, roba che solo Higuain nel Napoli aveva fatto quasi lo stesso. Se si riconferma come l’andata, la Scarpa d’Oro se non la vince ci va molto vicino”.

[df-subtitle]Marcello: Scudetto alla Lazio?[/df-subtitle]

Io tifo Lazio! E’ vero che loro non hanno le coppe, ma è anche vero che la Juventus ha due squadre; Simone deve essere bravo a tenere alta la condizione e alto il morale dei suoi calciatori perché giocano sempre gli stessi. Non è facile stare sempre su certi livelli”.

[df-subtitle]Presente e futuro di Marcello Campolonghi…[/df-subtitle]

“Mi occupo dell’Udinese Academy in Marche, Emilia Romagna e Lombardia; continuo questo percorso molto formativo, molto bello. Ho provato a fare di tutto – sottolinea Campolonghi – ho provato a fare il secondo in Lega Pro, ho provato ad allenare gli Allievi, la Berretti; adesso ho trovato la mia dimensione con l’Udinese Academy.

L’ambizione è quella di allenare, però nel nostro mondo le cose risultano sempre abbastanza particolari. Sicuramente non arriverò a livelli altissimi, ma provarci sarebbe una buona cosa.

Dovrei trovare la situazione giusta, un presidente che magari mi dia l’opportunità di poter mettere alla prova le mie abilità. Sto talmente bene dove sto che non ho preso in considerazione nessuna proposta per il momento. In futuro potranno nascere tante variabili”.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione dell’articolo è consentita previa citazione della fonte EUROPACALCIO.

Articolo precedenteBeltrame CSKA Sofia: “Club serio e ambizioso, derby col Levski emozione indescrivibile” – ESCLUSIVA EC
Articolo successivoMilan, Maldini potrebbe lasciare a fine stagione. Divergenze con Gazidis

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui