In diretta a “Taca La Marca”, programma in onda su Radio Musica Television, è intervenuto Marcello Campolonghi, ex attaccante di Cesena e Monza. Marcello Campolonghi si è soffermato sullo stato di crisi del calcio e su tanti altri temi.

Ecco quanto emerso.

La ripresa: “Qualsiasi decisione sarà difficile; bisogna far ripartire il calcio nella stessa maniera in cui si sta facendo negli altri settori. Rispetto al lavoro d’ufficio, il calcio è meno rischioso.”

Decurtazioni: “Ai miei tempi i contratti erano diversi e giravano più soldi. Attualmente nelle serie minori ci sono tante difficoltà; i ragazzi di queste categorie fanno fatica ad arrivare a fine mese. Reputo logico decurtare gli stipendi in Serie A.”

Fratelli Inzaghi: “Mi sento spesso telefonicamente con Simone e parliamo sia di calcio che di tanti altri temi. Simone è pronto per poter allenare una big – sottolinea Marcello Campolonghi – è un uomo dalle grandi qualità e di sani principi. Da lui e da Filippo mi aspetto di tutto, hanno una determinazione e una curiosità di imparare fuori dal comune; caratteristiche che hanno permesso ad entrambi di fare molta strada nel mondo del calcio.”

Brescia: “Ho vissuto due anni fantastici, i migliori della mia carriera, abbiamo ottenuto una salvezza e realizzato nella seconda stagione un campionato eccezionale, raggiungendo la massima categoria; poi sono stato ceduto al Milan. Il popolo bresciano mi è rimasto dentro e si risolleverà alla grande da questo brutto periodo”.

Tonali: “Ho avuto la fortuna di giocare con Pirlo e non posso paragonarli, anche perché non conosco Tonali come persona; comunque questo ragazzo ha tutti i mezzi per poter diventare un grande campione. Brescia è stato l’ambiente giusto per lui ed è stato bravo Cellino a farlo giocare un anno di Serie A.”

Miglior partner: “Ho avuto la fortuna di poter giocare con tanti campioni, a Cesena avevo Contaldo, con il quale avevo creato una grandissima intesa; poi a Monza ho duettato con Mino Francioso,  mentre a Siena mi sono confrontato con Tiribocchi, sceglierne uno è molto complicato visto che sono tutti ottimi centravanti.”

Sesa-Napoli: “Ci sono tanti giocatori con immense qualità che però non riescono a reggere la pressione di grandi piazze come può essere Napoli, però sono onesto quando dico che David Sesa era un calciatore di talento, a Lecce mi ricordo che fece cose straordinarie”.

Mancata Serie A: “Ho un rammarico di non aver mai giocato in Serie A, mi sono confrontato con grandi campioni in Nazionale per i giochi del Mediterraneo e tutti loro hanno fatto una carriera eccezionale. Se non sono mai arrivato nella massima categoria significa forse che avevo qualcosa in meno, anche se non ho ben capito cosa sia”.

Articolo precedenteAmantino Mancini: “Spalletti un grandissimo, la Roma…”
Articolo successivoSabatino Durante: “Lautaro era dell’Atletico Madrid. Kaio Jorge non è pronto per la Juve. Pedro aveva bisogno di più tempo. Lozano doveva essere il sostituto di Insigne. Su Paquetà…”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui