CAGLIARI LEEDS – Dall’inviato a Cagliari –

Il Cagliari, dopo la fase di ritiro a Pejo torna in Sardegna  per un’amichevole internazionale, la gara contro il Leeds di Marcelo Bielsa. Dopo aver ospitato l’Atletico Madrid nell’agosto scorso, i rossoblù affrontano gli inglesi che non sono riusciti a raggiungere la promozione in Premier League nella scorsa Championship.

Maran subito in piedi a dare numerose indicazioni in una prima parte di gara equilibrata e dal gran possesso palla. All’11’, insidioso diagonale di Klich, palla fuori di poco. Al 13′ bella azione rossoblú con diversi tocchi, poi arriva Birsa e porta in vantaggio il Cagliari.

Leeds un pó distratto, ritmi sorprendentemente bassi per una squadra britannica, prossima all’avvio del campionato.

Al 21′, applausi per Rog che in un’azione personale serve poi Birsa che sfiora il raddoppio.  Al 37′, prima parata per Cragno, bravo a deviare una conclusione potente di Hernandez.

Nella ripresa, subito rigore per il Leeds trasformato da Hernandez.

I padroni di casa rispondono con un colpo di testa di Oliva, para Casilla. Tanti cambi, fase nuovamente equilibrata del match e al 69′ bravo Cragno a sventare un contropiede micidiale con la parata su Bogusz. Minuto 77′, Aresti respinge in angolo una botta dalla distanza  d Philips. Dopo l’espulsione all’85’ di Philips, CagliariLeeds termina 1-1.

CAGLIARI: Cragno (73′ Aresti); Mattiello (1′ st Pinna), Ceppitelli (1′ st Walukiewicz), Klavan (1′ st Pisacane), Lykogiannis (1′ st Pajac), Ionita (63′ Romagna), Birsa (1′ st Han), Rog (1′ st Bradaric), Oliva (91′ Marigosu); Joao Pedro (63′ Cigarini); Pavoletti (1′ st Cerri)

Allenatore: Rolando Maran

 

LEEDS: Casilla; Davis, Cooper, White, Berardi, Philips, Klich, Forshaw, Costa, Hernandez, Bamford

Allenatore: Marcelo Bielsa

 

Ammoniti: Costa

Arbitro: Valerio Mariani di Roma 1

 

Parole dalla mixed

Ceppitelli: “Leeds ottima squadra, il caldo si é fatto sentire dopo i giorni in mintagna. Test importante, ce ne saranno altri. Ho visto bene i nuovi, ben integrati, siamo un gruppo affiatato. Stiamo lavorando molto bene, lo spirito è ottimo. Il mio obiettivo personale é quello di squadra, mi fa piacere essere fra i veterani, é una responsabilità nel trasmettere i valori“.

Maran: “Test probante, difficile, l’abbiamo superato. C’é la capacità di essere squadra, obiettivo é quello di lavorare al meglio. Con un anno di conoscenza, lavoriamo su alcuni aspetti che magari all’inizio non potevo. Per i nostri tifosi, per la società vogliamo fare un anno importante”.

Articolo precedenteGodin: “Inter, progetto ambizioso. Mi hanno convinto”
Articolo successivoGenoa Radu: “Pinamonti ha tutto per diventare un big”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui