BUFFON SULLA NAZIONALE – Intervistato da “La Stampa“, Gianluigi Buffon torna sulla cocente eliminazione dell’Italia dai Mondiali.

Così il portiere del Parma: “Se l’Italia si fosse qualificata, non credo sarei stato convocato. La meritocrazia è dalla mia parte, ma ci sono altri discorsi a cui dare precedenza e rispetto: considerate le scelte degli ultimi anni, è giusto così. Mancini? E’ stato l’artefice principale del rinascimento vissuto con l’Europeo, ma dopo una batosta così qualche responsabilità ce l’ha anche lui. C’è modo e modo di uscire, se perdi ai rigori con il Portogallo nessuno può rimproverati, dopo la caduta con la Macedonia del Nord ripartire è più duro: alle prime difficoltà potrebbero tornare i fantasmi, riaffiorare i capi di imputazione. Diciamo che l’equilibrio è sottile“.

BUFFON SULLA NAZIONALE

BUFFON SULLA NAZIONALE – Poi sulla stagione in Emilia: “Un po’ di incazzature perché le cose non sono andate come pensavamo: diciamo che è stato un anno utile per prendere la mira. E poi conferme che cercavo, perché ho fatto cose pregevoli. Divertiamo. Emozioni forti. Avversari e stadi inediti come Terni, Cittadella, Cosenza. Alla fine tra A e B non c’è così tanta differenza”. 

 

LEGGI ANCHE:

Articolo precedenteTotti a Ibrahimovic: “Caro Zlatan, a fine stagione ascolta il tuo corpo”
Articolo successivoCalcio in lutto, morto a 55 anni l’ex Napoli e Real Madrid Freddy Rincon

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui