Bremer si racconta – Gleison Bremer è, senza ombra di dubbio, la migliore rivelazione della stagione per il Torino di Ivan Juric. Il centrale brasiliano si è affermato, nel corso del campionato, come uno dei migliori centrali in Serie A e non solo. Di questo e di molto altro ha parlato proprio Bremer ai microfoni di “Torino Channel“.

Bremer si racconta – Queste le sue parole:

 “Il ds Petrachi mi voleva davvero, mi ha detto che sarei cresciuto tanto: era il momento giusto e ho accettato”.

DAL BRASILE ALL’ITALIA – “Il calcio italiano è molto interessante. Mi avevano detto che l’Italia è la miglior palestra per un difensore: a distanza di tempo dico che avevano ragione, la Serie A è il top per un difensore”.

SU COSA SI E’ CONCENTRATO – “Sull’apprendere la lingua, perché devi capire. La tattica poi l’apprendi. Mazzarri mi ha dato una grossa mano, vuole la marcatura a uomo che in Brasile non esiste, mi diceva sempre che in area si deve marcare e bisogna mettersi bene con il corpo. E poi il suo collaboratore Claudio Nitti mi diceva che non giocavo il pallone velocemente, mi ha fatto migliorare tanto e mi sono fermato spesso al Filadelfia per apprendere i segreti”.

ATTESA INIZIALE – “Mazzarri mi diceva sempre di avere pazienza. Io volevo giocare, ma lui mi diceva di aspettare: aveva ragione lui perché ho seminato tanto e ora sto raccogliendo”.

FASCIA DI CAPITANO – “Per me è un grande onore vestire la fascia. Il capitano è Belotti, ma è tanta roba mettere la fascia. Ogni tanto penso: il primo anno qui non giocavo mai, ora dopo quattro anni sono diventato il secondo o terzo capitano. Si tratta di un grandissimo onore”.

LE PAROLE DI SIRIGU “Lui è stato bravissimo con me. Dopo l’allenamento andavamo sempre in palestra per allenarci e mi tranquillizzava, perché aveva visto che non mi ero montato la testa e mi allenavo tanto”.

SI SENTE A LIVELLO DEI PIU’ FORTI ATTACCANTI EUROPEI? – “Sì, perché sono cresciuto mentalmente e tatticamente. Sono pronto ad affrontarli, sempre”.

SOGNO “Giocare con la Nazionale. Mi sto allenando bene, sto facendo il massimo e vorrei giocare il Mondiale in Qatar. Sto aspettando il mio momento e non voglio farmelo passare”.

 

Articolo precedenteDybala, giovedì l’ incontro decisivo: la “Joya” tra rinnovo e addio
Articolo successivoGenoa Masiello Toronto, cessione in vista

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui