Bologna Mihajlovic leucemia – Poco più di un anno fa, Sinisa Mihajlovic comunicava in conferenza  stampa di essere affetto da leucemia. Mesi difficili, in cui il tecnico del Bologna ha ricevuto l’affetto di molti e non ha mai abbandonato la propria squadra. Sinisa, infatti, seguiva i propri giocatori in video e la sua forza ha reso i rossoblu una delle sorprese dello scorso campionato. Adesso, per fortuna, il periodo più nero sembra un ricordo lontano. A parlarne è stato lo stesso Mihajlovic alle pagine del Corriere della Sera. Di seguito uno stralcio della sua intervista riportato dal portale gianlucadimarzio.com :

Non sono un eroe e neppure Superman. Sono uno che quando parlava così, si faceva coraggio. Perché aveva paura, e piangeva, e si chiedeva perché, e implorava aiuto a Dio come tutti. Pensavo solo a darmi forza nell’unico modo che conosco. Combatti e non mollare mai” .

Come è cambiata la tua vita dopo la malattia?
Mi godo ogni momento, prima non lo facevo, davo tutto per scontato. Conta la salute, contano gli affetti. Nient’altro”.

Bologna Mihajlovic leucemia – Il tecnico, poi, ha continuato:
Non ci si deve vergognare della malattia. Bisogna mostrarsi per quel che si è. Volevo dire a tutte le persone nel mio stato di provare a vivere una vita normale, fossero anche i nostri ultimi momenti”.

Hai ricevuto affetto da parte di tutti, anche avversari storici.
L’affetto mi ha aiutato molto. Ma ora basta. Non vedo l’ora di tornare ad essere uno zingaro di m…”.

Articolo precedenteMercato estero Szoboszlai: il Lipsia avanza per il talento del Salisburgo
Articolo successivoGonzalo Mastriani: “Lapadula Perù ottima scelta. Parma fu un sogno, a Crotone lo stadio era sempre pieno. Bernardeschi ha molta fiducia in se stesso. Sul paragone con Cavani e sul mio futuro…” – ESCLUSIVA EC

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui