[df-subtitle]Benassi con 3 gol in campionato è attualmente uno dei capocannonieri della Serie A[/df-subtitle]Raggiante come al primo giorno di scuola, stamattina ha parlato nell’Aula Magna del centro federale di Coverciano, Marco Benassi, uno dei protagonisti assoluti delle prime giornate di Serie A. Il centrocampista ex Inter e Torino, attualmente in forza alla Fiorentina, lotterà per una maglia da titolare già venerdì sera contro la Polonia. Ecco le sue parole trascritte da Violanews.com

“Sono venuto per dare il massimo, voglio dare il mio contributo. Non penso all’esordio, voglio fare bene in allenamento e poi deciderà l’allenatore. Sto vivendo un bel momento, miglior momento da quando sono in Serie A. Ho iniziato la stagione più libero mentalmente, conosco il gruppo dallo scorso anno. Gol? Sarà difficile continuare a segnare così tanto ma le mie caratteristiche mi portano in avanti. Prima di tutto conta la prestazione, le reti sono la conseguenza. Obiettivo? L’obiettivo che ci siamo dati è migliorare lo scorso campionato, vogliamo arrivare almeno settimi ed entrare in Europa League. Vogliamo pensare giorno dopo giorno. Berardi? Mi ha chiamato subito quando siamo stati convocati, voleva stare in camera con me. Sanno tutti che siamo coppia fissa. Convocazione? Quando non mi chiamavano significava che dovevo fare di più, in queste prime gare evidentemente ci son riuscito. Bestemmia? E’ stata un’imprecazione, solitamente non mi esprimo in un certo modo. Le immagini sono state verificate. E’ un caso chiuso, non ho nemmeno visto il video per quanto è successo a Mandragora. Pochi italiani in campo? Noi che giochiamo dobbiamo pensare a migliorare. Tre della Fiorentina in Nazionale? Fa piacere, era un’obiettivo della società riportare giocatori in nazionale. Polonia? Hanno un centrocampo forte ma anche l’attacco, sono un gruppo completo. Dobbiamo sfruttare le nostre caratteristiche per rendere al meglio. Giovani? Ci vuole coraggio per buttarli dentro, io devo ringraziare Stramaccioni che mi fece giocare a 18 anni con l’Inter. Bisogna anche incontrare le persone giuste che ti danno spazio. Fiorentina? La nostra forza è il gruppo, la tragedia che ci ha colpiti ci ha uniti. Prima eravamo abituati a mandare avanti Davide, con la sua perdita abbiamo dovuto dare di più. Ogni domenica giochiamo anche per lui. Centrocampo viola? Pioli prepara bene le partite, è anche grazie a lui se segniamo. Col suo gioco noi a metà campo ci spingiamo molto in avanti. Torino? Sono andato via perché negli ultimi due mesi non giocavo per via del modulo. Mi era stato detto che non avrei avuto spazio. Nazionale? Ci conosciamo quasi tutti perché abbiamo giocato insieme nelle varie Under. Indossare la maglia azzurra è un orgoglio e allo stesso una responsabilità.”

Articolo precedenteItalia – Polonia, i numeri parziali dei biglietti venduti a tre giorni dalla gara
Articolo successivoBarella: “Dobbiamo alzare il livello del calcio italiano. Cagliari sempre stata la mia prima scelta”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui