Belgio, Martinez – Roberto Martinez, ct del Belgio ha parlato in conferenza stampa, facendo il punto sulle condizioni fisiche dei due gioielli della squadra a forte rischio per il quarto di finale contro l’ Italia, ovvero Hazard e De Bruyne.

Belgio, Martinez – Queste le sue parole:

“E’ presto ma posso dire quel che sappiamo. Le informazioni sono positive per entrambi. Non ci sono dei danni strutturali importanti. Questo vuol dire che il loro torneo è ancora d’attualità, potrebbero ancora giocare non è ancora finita per loro. Ma dobbiamo aspettare altre 24 ore. Giochiamo venerdì, è una corsa contro il tempo per noi: è difficile, lo staff medico ci dice che potrebbero esserci per l’eventuale partita successiva”.

HAZARD – “E’ la miglior partita che ho visto giocare ad Hazard negli ultimi due anni, come ha giocato con Thorgan, come ha coperto gli spazi. L’ultima cosa che vuoi è togliere un giocatore così: non ho la sfera di cristallo, è stato un peccato però. De Bruyne si è infortunato su un giallo che doveva essere un rosso, ci sono stati infortuni evitabili per la gestione dei cartellini, ma Eden Hazard ha giocato quanto avrebbe dovuto”.

BELGIO – “Gli appassionati del calcio ci apprezzano per il gioco, ma sappiamo anche soffrire e usare altre armi quando ce n’è bisogno. Abbiamo saputo soffrire contro il Portogallo che è la Nazionale che sa vincere più di ogni altra”.

ITALIA – “E’ una squadra diversa, dinamica, con struttura. Hanno consapevolezza dei ruoli, sarà una gara simile nei 90 minuti. Ci sarà da difendersi bene, ma da stare anche tanto sulla palla. Loro difendono molto bene, sono strutturati e bravi con la palla in contrattacco. E’ una squadra bilanciata, non fai quei numeri se non sei una buonissima squadra. Ma noi siamo pronti: ieri la nostra sfida era battere i campioni d’Europa e l’abbiamo fatto. Possiamo migliorare, ora siamo pronti per sfidare l’Italia. Mancini? Ha dato un gioco chiaro: 4-3-3 con gioco dinamico, sono una squadra diversa dalla Danimarca, sono una squadra moderna dall’approccio di gioco. L’Italia non mi ha sorpreso: ho sfidato Mancini in Premier, è molto meticoloso, puoi vedere il suo approccio in Nazionale. L’Italia è diventata qualcosa di speciale. 31 gare senza sconfitte è importante. Fanno un gioco importante, sono più forti del concetto di individualità”.

DE BRUYNE – “E’ forte mentalmente, è in un momento speciale a livello mentale. E’ stato in ansia in vista delle visite di stamattina: siamo felici che sia con noi e lo è anche lui. E’ sfortunato, lo è stato anche in Champions, spero stia bene. Quando è in campo, siamo una squadra più forte”.

Articolo precedenteMercato Napoli Thorsby, il danese della Samp alternativa a Basic
Articolo successivoMilan, dalla Germania: i rossoneri vogliono Sabitzer del Lipsia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui