Ultima giornata di Bundesliga, ma non solo, per i tifosi del Bayern Monaco. Quella contro l’Eintracht Francoforte infatti era anche l’ultima volta in maglia rossa per due bandiere del club bavarese: Robben e Ribery.

Una vera e propria favola quella dei due esterni offensivi con il Bayern Monaco, durata 10 anni per l’olandese, prelevato nel 2009 dal Real Madrid, e addirittura 12 per il francese, arrivato in Germania nel 2007 dal Marsiglia.

Favola fatta soprattutto di gioie, grazie ai 43 titoli vinti in due in terra tedesca, la maggior parte segnate proprio dalle loro giocate e dai loro gol; sono 124 quelli di Ribery in 424 gare, mentre Robben è andato a segno per 144 volte in 307 match.

[df-subtitle]Gli eroi del Triplete…[/df-subtitle]

L’apice è stato raggiunto durante la stagione 2012/2013, quando sono diventati gli eroi del Triplete grazie alla vittoria di Bundesliga, Coppa di Germania e Champions League. Unici superstiti di quella super-squadra insieme a Neuer, Alaba, Javi Martinez e Muller.

Si sa che nel calcio, cosi come nella vita, ogni favola che si rispetti termina con un lieto fine, e oggi è arrivato il loro momento. Emozionante il pre-partita, con l’intera Allianz Arena ad omaggiare le due leggende. Cori e coreografie da brividi.

Match senza storia per il Bayern Monaco, capace di rifilare 5 reti all’Eintracht Francoforte ed assicurasi il 29° titolo di Germania, il 7° consecutivo. Titolo “firmato” anche dai due campionissimi, che hanno voluto dire addio a modo loro, lasciando ancora una volta il segno sull’ennesimo trofeo vinto; entrati nelle ripresa, infatti, hanno messo a segno il 4° e il 5° gol di giornata rendendo ancor più dolce la festa sugli spalti.

Ora caccia alla Coppa di Germania (sabato si giocherà la finale tra Bayern e Lipsia), vista come la classica ciliegina sulla fine della lunga avventura bavarese di Robben e Ribery, che resteranno comunque in eterno nella storia dei “Die Roten“.

 

 

Articolo precedenteBundesliga: Bayern ancora campione! Leverkusen in Champions
Articolo successivoStadio EC, Chievo – Sampdoria: il saluto di Pellissier [LIVE]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui