BATTISTINI AGENTE CRAGNO – In diretta a CMIT TV, è intervenuto Graziano Battistini, agente di Alessio Cragno.

Questi i temi trattati:

Sul portiere del Cagliari: “Io credo che il palcoscenico futuro di Cragno sia la prossima importantissima partita di campionato con il Cagliari; credo che sia una priorità. Credo che Cragno, senza andare troppo indietro, abbia dimostrato di essere il più forte in Italia, se non fra i migliori due, è il campo che ha parlato”.

Prosegue: “Io credo che il campo abbia dimostrato chiaramente che lui meriti di essere almeno il secondo portiere della Nazionale. Ribadisco, penso che Cragno sia uno dei due portieri più forti in Italia”.

Sempre su Cragno: “Vi dico, penso di aver provato a fare il portiere, e di conseguenza so quali siano le dinamiche del ruolo. Penso che Alessio sia un fuoriclasse ed è una cosa che chi deve fare delle valutazioni deve vedere. Ha dei requisiti importanti sotto l’aspetto caratteriale e psicologico, ha determinazione e serietà da fuoriclasse. Penso lo stia dimostrando anche in questa difficile annata del Cagliari, è un portiere di altissimo livello, ritengo che sia sotto gli occhi di tutti settimanalmente quello che Cragno riesce a fare, non sono opinioni, ma dati di fatto”.

Su Pirlo: “Se la Juventus ha deciso di puntare su di lui è perché comunque credo abbia delle specifiche motivazioni, sull’intenzione di voler provare ad aprire un ciclo da difendere a spada tratta ed è una scelta che condivido. Mi aspetto che la Juventus sia intenzionata a difenderlo anche senza la qualificazione in Champions League”.

Su Cristiano Ronaldo: “E’ un campionissimo, non si può discutere il calciatore. E’ ovvio che catapultato nella realtà dell’ossessione della Juventus per la Champions, diventa un problema, anche visto il Covid, dal punto di vista economico. Credo che sia una questione da gestire, ma penso che se la Juventus potesse fare una rescissione in qualche modo la farebbe, ma si ha sempre a che fare con una macchina davvero grande che è quella di Cristiano Ronaldo. Sia la Juventus che CR7 hanno una visibilità mondiale e di conseguenza bisogna sviscerare ogni variabile. E’ evidente che il problema esiste e va gestito al meglio. Non è facile trovare il mercato giusto per Cristiano Ronaldo, ci sta anche che poi alla fine possano tirare la cinghia e riprovare a testa bassa nel conquistare qualcosa di importante la prossima stagione”.

Sul mercato spagnolo: “Credo che anche in Spagna i club siano in grandissima difficoltà, forse il Real Madrid ha qualche protezione finanziaria in più. Per il resto se la stanno passando veramente tutti male e quindi diventa difficile poter fare quello che si è fatto fino a due stagioni fa. L’Atletico Madrid secondo me qualcosa dovrà vendere, poi magari mi sbaglio. Il Barcellona sanno tutti come sta, non è una novità che stia cercando di smistare i giocatori che ha sotto contratto. Quindi faccio fatica a pensare che ci siano dei mercati scoppiettanti. Messi? Il ritorno di Laporta sembra che possa far pendere la sua scelta”.

Articolo precedenteItalia, Mancini: “Lituania fisica e difende bene, servirà pazienza”
Articolo successivoDomenico Criscito: “Prandelli? Lavora con passione”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui