Antonin Barak, centrocampista della Fiorentina di Italiano, ha raccontato i momenti di angoscia vissuti per le proprie condizioni di salute

All’inizio, l’avevo molto sottovalutata. Sembrava una cosa semplice. Poi, è diventata una polmonite bilaterale e, la situazione, si è complicata col versamento nei polmoni fino al pericardio: ho rischiato davvero di morire, così come era successo ad Eriksen”. Racconto da brividi quelli rilasciato da Antonin Barak, centrocampista della Fiorentina che ha espresso tutta l’angoscia di quei momenti vissuti l’estate scorsa per le proprie condizioni di salute. Per fortuna, poi, tutto si è risolto per il meglio, tanto da indurre il calciatore a tornare a disposizione della squadra e mettersi il peggio alle spalle.

Ai taccuini di Gazzetta.it, il mediano della Repubblica Ceca ha inoltre raccontato un aneddoto riguardante un mancato trasferimento al Napoli, saltato proprio all’ultimo per via della scelta da parte delle dirigenza azzurra di puntare su Ndombelè. “Ero molto arrabbiato, non lo nego. Sembrava davvero tutto fatto nella stagione 2021/2022, ma la società non riusciva a chiudere per la cessione di Fabian Ruiz al Paris Saint Germain e si bloccò praticamente tutto. Poi, al Napoli è stato offerto il centrocampista del Tottenham praticamente a titolo gratuito e hanno optato per altre scelte. Col tempo, l’ho accettato e ho capito di non aver potuto prendere una strada migliore come quella per Firenze”.

Oltre all’articolo: “Barak, racconto da brividi: “Ho rischiato davvero di morire”, leggi anche:

  1. Jeremy Doku la nuova stella di Manchester
  2. Bologna, cercasi sostituto di Zirkzee
  3. Parla Calafiori, cuore rossoblu e fan di mister Motta
  4. Milan, Leao e il rinnovo da 10 in pagella
  5. Victor Boniface, quando il nome è una garanzia
  6. Mercato Juve, Giuntoli pesca in Premier League
  7. Milan, emergenza difesa: rispunta il nome di Kiwior, a sorpresa
  8. Milan lungo stop per Kalulu
  9. Zilliacus-Inter, passi avanti nella trattativa
  10. Le parole di Guendouzi:”Nella mia testa avevo solo la Lazio”
Articolo precedenteLazio, futuro Sarri e Felipe Anderson: palla a Claudio Lotito
Articolo successivoRivoluzione Manchester United, idea Maldini per la dirigenza

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui