[df-subtitle]Con un ottimo secondo tempo giocato a Genova, Antonin Barak ha dimostrato di avr ritrovato piano piano la condizione e soprattutto che l’Udinese ha bisogno del suo estro e dei suoi strappi per cercare i punti decisivi verso la salvezza. Udinews Tv ha intervistato il centrocampista della Repubblica Ceca, alla vigilia del match di domenica sera contro il Milan[/df-subtitle]

Queste le parole di Barak, tratte da tuttoudinese.it

“Antonin, contro il Genoa sei tornato titolare, quali le tue sensazioni, anche alla luce della bella prestazione della squadra soprattutto nel secondo tempo?L
 

Sono molto contento di essere tornato titolare, ma sono ancora più contento della performance della squadra. Credo che abbiamo fatto una buona partita e quel punto è servito soprattutto per interrompere la striscia negativa che avevamo da quattro match. Adesso testa alta e lavorare per la partita con il Milan. 
 

Adesso, come ricordavi, è la volta del Milan, come si può provare a metterlo in difficoltà?
 

Sappiamo che il Milan ha una difesa che spesso lascia degli spiragli, ma vogliamo pensare a come fare bene noi e non dove può sbagliare l’avversario. Giocheremo in casa, davanti al nostro pubblico e l’unico pensiero deve essere quello di fare punti. 
 

Un primo bilancio di questa Udinese nella prima parte di campionato?
 

È presto per fare bilanci, dobbiamo ancora dimostrare quello che valiamo. Andremo sicuramente a fare meglio dell’anno scorso.
 

Il tuo obiettivo personale per quest’anno?
 

Sicuramente voglio restare titolare, migliorandomi giorno dopo giorno. Più che parlare di obiettivi personali, però, è più importante parlare della squadra. Abbiamo una rosa che può ambire a restare tranquillamente nella parte sinistra della classifica, dimostreremo sicuramente quello che possiamo fare.
 

In questo modulo di Mister Velazquez ti senti a tuo agio?
 

Molto, io sono una mezzala e giocare lì a sinistra è proprio il mio ruolo naturale. Il gioco box to box è quello che mi fa esprimere al meglio. Spero di continuare così.”

Articolo precedenteBernardeschi: “Juventus società meravigliosa. Sono cresciuto, ma voglio di più da me stesso. Per il calcio ho pianto più volte”
Articolo successivoMora: “Il ritorno di Ghoulam potrebbe essere l’arma in più per il Napoli”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui