ATLETICO MADRID JUVENTUS – Non vive nessuno dei due un grande momento: almeno questo è quello che esce dalle ultime partite di campionato. L’Atletico Madrid di Simeone, infatti, ha subito una pesante sconfitta a San Sebastian contro la Real Sociedad per 2-0; dopo aver sofferto in casa pochi giorni contro l’Eibar battuto per 3-2.

Nell’ultima partita contro la squadra basca, soprattutto è venuto fuori un piccolo caso attorno a Joao Felix. Il talento portoghese, comprato per fior di quattrini, è stato sostituito dopo nemmeno un’ora di gioca complice un rendimento che non soddisfaceva l’allenatore argentino.

In generale però la prestazione non è stata sufficiente; solo nel finale di gara, dopo il raddoppio dei padroni di casa, l’Atletico Madrid ha iniziato a fare l’Atletico Madrid.

Dall’altra parte è storia arcinota: la Juventus ha giocato bene per un’ora sia contro Parma che contro Napoli, rischiando contro i rivali partenopei di pareggiare; e salvati solo da un autogol all’ultimo secondo di Koulibaly.

Contro la Fiorentina, invece, sono venuti fuori tutti i limiti tattici e atletici, di questa fase di stagione; e la Juventus, nonostante il parco giocatori che può schierare, non è mai riuscita a impensierire seriamente Dragowski. Uno 0-0 che alla fine ha lasciato soddisfatti perché poteva andare anche peggio per gli uomini i Sarri.

Ma anche stasera la Juventus vorrà fare la Juventus. Il Wanda Metropolitano, però, con un Atletico che pur senza Rodri, Godin e Griezmann che hanno abbracciato altri progetti, e senza l’ex Morata, resta un vero spauracchio; vincere sarà praticamente impossibile.

Entrambe le squadre sono alla ricerca di una svolta, dopo un inizio fisiologicamente complicato, che possa incanalare una stagione non partita di certo sotto i migliori auspici.

Intanto arrivano anche le prime indicazioni per le formazioni. La Juventus potrebbe schierare 10/11 della squadra vista contro Parma, Napoli e Fiorentina, con il solo Bernardeschi al posto di Douglas Costa, con Dybala, Rabiot e Ramsey ancora in panchina.

Dall’altra parte invece, mancherà solo Morata e si giocano una maglia Lemar e Thomas; per il resto anche qui confermato l’11 titolare con Diego Costa davanti, resta qualche dubbio pure sulla scelta se vedere dal 1′ il gioiellino Joao Felix contro il suo idolo e connazionale Cristiano Ronaldo.

Il quale, naturalmente, avrà tutti gli occhi puntati addosso – e giureremmo anche i fischi dei tifosi di casa.

Articolo precedenteESCLUSIVA – Borozan: “Il Padova è la squadra più forte, serviranno umiltà e convinzione”
Articolo successivoMilan, Maldini rivela: “Volevamo Lozano ma ha scelto il Napoli”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui