ATLETICO-JUVE – In vista della partita di Champions League fra Juventus e Atletico Madrid, la leggenda portoghese ed ex-Colchoneros, Paulo Futre, ha rilasciato una lunga ed interessante intervista a La Gazzetta dello Sport: “Per il Portogallo è un privilegio mostrare Cristiano Ronaldo e Joao Felix al mondo. – ha esordito – Il migliore di tutti i tempi e un ragazzo che è appena diventato il portoghese più caro della storia.”

Sul fatto che Joao Felix possa raccogliere l’eredità di CR7: “Sì. Se tutto va bene, se non si mettono in mezzo infortuni io vedo Joao Felix vincere il Pallone d’oro in 4-5 anni. E salire sul podio in 2-3. Ha tutto per farlo:idee calcistiche da fenomeno e margine di crescita, ha solo 19 anni. Detto questo, ci vuole calma e il paragone con Ronaldo dev’essere evitato: Cristiano ha vinto 5 Palloni d’oro, non si può mettere tanta pressione su Joao iniziando già a compararlo con Cris. L’accostamento sarebbe ingiusto per entrambi. Sarebbe una mancanza di rispetto. Ne riparliamo tra qualche anno.”

Sempre sul talentino dell’Atletico: “L’ho appena conosciuto, nel giorno della presentazione all’Atletico, e mi ha fatto un’ottima impressione. È un ragazzo con i piedi per terra. C’è un aspetto fondamentale: la sua famiglia. Eccezionale. La mamma  con lui a Madrid, il padre fa su e giù, sono molto presenti e mi sono sembrate ottime persone. La famiglia è tutto per un giocatore, così come poi la compagna della vita. Mi piace la sua velocità di pensiero, sa sempre cosa fare prima di ricevere la palla.”

ATLETICO-JUVE – Su Cristiano Ronaldo: “Ho esaurito le parole. Sono stufo di ripetere sempre le stesse: genio,fenomeno, unico, impressionante… Per i portoghesi che iniziano a giocare a calcio, quindi anche per Joao Felix, è il punto di riferimento, la guida, l’esempio. Pensate come può essersi sentito Joao il primo giorno che l’ha visto in nazionale. Per questo dicevo che oggi non si possono fare paragoni. Ronaldo è un combattente: sa solo lui quando smetterà,quel giorno il suo posto potrà essere occupato da Joao Felix o da Bernardo Silva, saranno loro due a lottare per la successione. Bernardo è un po’ più avanti perché è già uno dei leader del Manchester City, e ha già iniziato a vincere. Joao però può recuperare il terreno.”

Sulla gara: “L’Atletico ha cambiato tantissimo facendo un gran mercato. La Juve è cambiata tantissimo, facendo un gran mercato. Pur mantenendo gli stessi uomini, è passata da Allegri a Sarri, una mutazione significativa.”

ATLETICO-JUVE – Sull’Atletico: “Simeone sta cercando un nuovo sistema, che permetta di continuare a vincere ma provando a giocare meglio, e in questo processo Joao Felix ha un ruolo fondamentale. Siamo ancora all’inizio ma i segnali sono positivi.”

Sulla Juventus: “Mi ha sorpreso il black-out sofferto contro il Napoli, non è da loro. Sarri si sarà sicuramente arrabbiato. Detto questo la Juve è sempre la Juve, una delle favorite per il successo finale in Champions. Con Cristiano non potrebbe essere altrimenti.”

Articolo precedente“Buu” razzisti: il Verona alimenta la polemica
Articolo successivoBundesliga, 4° giornata: il Lipsia respinge il Bayern. Bene BVB e Friburgo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui