Atalanta Lammers – Sam Lammers, giovane talento olandese classe 1997 arrivato in Estate all’ Atalanta dal PSV ha parlato all “Eco di Bergamo” del suo nuovo club e di questo inizio di stagione. Il giocatore vorrebbe trovare più spazio nei nerazzurri per maturare e diventare man mano sempre più decisivo.

Queste le sue parole al giornale bergamasco:

Atalanta Lammers – Mi sento a casa, Bergamo è una città davvero bella, anche se non ho avuto la possibilità di godermela, finora, per via dell’emergenza coronavirus.

La Serie A è una grande competizione e sono orgoglioso di poterla affrontare con l’Atalanta. Qui mi sono subito sentito il benvenuto e sono felice di fare parte di questa squadra.Voglio diventare al più presto un giocatore importante: il buon inizio mi fa piacere, ma non sono ancora soddisfatto, perché spero di giocare e segnare sempre di più. 

Zapata e Muriel hanno giocato con la Colombia, io mi sono allenato bene in questa settimana: naturalmente ci spero (di partire titolare, ndr). Ma non è il mio lavoro fare la formazione, sarà l’allenatore a decidere. Io, comunque, sono pronto anche a entrare a gara in corso.  Sono due bravi attaccanti, hanno fatto molto bene con l’Atalanta e io sono felice di potermi allenare con loro: credo sia possibile giocare in coppia con uno dei due, ma deve decidere l’allenatore.

Atalanta Lammers – Per un centravanti è sempre bello segnare: sono contento di avere già giocato tante partite. Essere impiegato dall’inizio è un obiettivo che voglio raggiungere per affermarmi. Qui però ci sono tanti attaccanti forti e devo essere paziente e attendere il mio turno, facendo di tutto per farmi notare in allenamento.

Non conosco bene la squadra, ma l’ho vista in video. Non sarà una formazione da primi posti, ma nessuna partita è facile: dovremo concentrarci, perché abbiamo bisogno di punti. Il gruppo si sta ricompattando dopo le nazionali e stiamo bene: dobbiamo vincere con lo Spezia e poi pensare al Liverpool”.

Articolo precedenteBologna Crotone è la sfida tra Palacio e Simy
Articolo successivoVerona, Juric: “Sassuolo difficile, gran stile, gioco e sicurezza. Anno complicato, poco lavoro sui dettagli”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui