ATALANTA GOLLINI GOMEZ – Con una prestazione da grande squadra, l’Atalanta di Gasperini ferma sull’1-1 la Juventus allo Stadium. Tra i protagonisti indiscussi della serata, l’estremo difensore nerazzurro Pierluigi Gollini, autore di diversi interventi decisivi tra cui, su tutti, il rigore parato a Cristiano Ronaldo. Ai microfoni di Sky Sport, il portiere atalantino ha espresso tutta la sua gioia per la grande prestazione offerta, riferendosi anche ad una grande parata su un tiro ravvicinato di Morata, neutralizzato con il volto. A tal proposito, Gollini dice:

C’ho messo la faccia, fa parte del mio ruolo. Per fare il portiere servono gli attributi e metterci la faccia. Ce l’ho messa io, così come la squadra in questo periodo. Non abbiamo mai mancato un appuntamento, questa sera questo gruppo ha fatto un’altra prova di forza”.

Mentre sul rigore: “L’anno scorso me ne aveva fatti due, oggi ho vinto io il duello. C’ho messo tanto a parare il primo, ma va bene averlo fatto stasera. Da un bel po’ tirava dall’altra parte, avevo visto i miei colleghi che si sono buttati dove mi buttavo io, mi sentivo che avrebbe cambiato con me. So quanto è importante il mio peso nello spogliatoio. Sono qua da tanti anni, abbiamo costruito questi successi con questo gruppo che è quasi sempre rimasto lo stesso. Mi sento importante sia in campo che nello spogliatoio”.

ATALANTA GOLLINI GOMEZ – Inevitabile, ovviamente, una domanda sul caso Papu Gomez, il quale sarebbe ormai prossimo a lasciare l’Atalanta. Nonostante ciò Gollini mantiene vive le speranze, auspicando ad una soluzione del caso. Il portiere dell’Atalanta risponde così:

Spero che tutto si risolva, che il Papu resti il nostro capitano. Poi sono decisioni che spettano alle società. La società deve chiarire queste cose ed è giusto che siano loro a farlo perché è il loro compito. Spero che resti questo gruppo, che non si spezzi quanto fatto fino ad oggi. Se siamo arrivati a questo livello c’è un aspetto tattico, ma anche un aspetto umano, di uomini che si sono trovati bene e hanno lottato uno per l’altro. Questa è stata la chiave dei nostri successi e spero che non si rompa”.

Articolo precedenteFirmino, zampata a tempo scaduto: Klopp batte Mourinho 2-1
Articolo successivoCina mega stipendi stop! Pellè e Eder tra i cavalli di ritorno

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui