Mercato Atalanta: la dirigenza bergamasca starebbe considerando la candidatura di Zaniolo, mentre Saelemaekers non è in lista

Un mercato ambizioso, che rispetti fedelmente i parametri economici imposti dalla proprietà, Percassi, ma che, con i giusti accorgimenti, renderebbe ancor più competitiva l’Atalanta dopo una stagione da sogno. La Dea si rituffa nel fiume delle trattative estive nel tentativo di alzare l’asticella della qualità, su esplicita richiesta di Gian Piero Gasperini, tecnico confermato alla guida di un progetto che viaggia a meraviglia. Dopo l’accordo per il riscatto di De Ketelaere raggiunto con il Milan, i radar della società bergamasca sono ancora puntati verso la zona offensiva, con le situazioni Zaniolo e Saelemaekers da monitorare.

La nostalgia di casa del primo potrebbe essere colmata proprio dal club orobico, pronto a mettere sul piatto un’offerta utile per persuadere il Galatasaray a lasciar partire, a titolo definitivo, l’ex trequartista della Roma. Situazione diametralmente opposta per ciò che concerne il venticinquenne belga: stando a quanto riferito da Alfredo Pedullà, Saelemaekers non rientrerebbe nei piani della Dea lasciando ancora incertezza intorno al futuro di un esterno i cui bagagli, al momento, sarebbero pronti per essere indirizzati, nuovamente, a Milanello. In questo senso, la nomina di Vincenzo Italiano avrebbe stravolto il futuro emiliano di Alexis Saelemaekers, con i fari del tecnico puntati sull’ex città, Firenze, laddove gioca un fedelissimo pronto a seguirlo al Dall’Ara: Kouamè. Strada sbarrata anche a Bergamo per il belga, dunque. Le manovre della Dea per vivere un’altra stagione da assoluta protagonista sono appena cominciate.

Oltre all’articolo: “Atalanta, caccia all’esterno: Zaniolo, una tentazione; Saelemaekers, invece…”, leggi anche:

  1. Ranieri: “Cagliari impresa insostituibile, restano i tifosi. La Nazionale…”
  2. Udinese, Pozzo autocritico: “Anno particolare, ho avuto paura, il progetto non era questo”
  3. Verona, Sogliano: “Ritorno grande soddisfazione, uniti nelle difficoltà. Baroni, Ngonge, il mercato belga e olandese…”
  4. Allenatore Verona, Zanetti è ufficiale: ritorno in Veneto per il valdagnese
Articolo precedenteRabiot-Juventus, complicazione Real per il rinnovo: assalto delle Merengues
Articolo successivoFuturo Greenwood, sfida tutta made in Italy: la Lazio tenta il sorpasso

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui