ASSOCALCIATORI INGLESE INGAGGI – Come tutta l’Europa calcistica, anche l’Inghilterra si trova a fronteggiare il difficile rapporto tra il futuro di calcio e la pandemia da COVID-19. Tra le richieste del governo al sistema calcistico inglese, c’è la proposta avanzata tra gli altri dal Ministro della Salute Matt Hancock consistente nel taglio del 30% degli ingaggi da parte dei club.

L’Assocalciatori inglese (la PFA) ha invece detto categoricamente no alla proposta, invitando i club di Premier League a ragionare sul 30% degli ingaggi. La PFA afferma infatti con le seguenti parole.

ASSOCALCIATORI INGLESE INGAGGI – “Il taglio del 30% degli ingaggi dei calciatori della Premier League toglierebbe circa 200 milioni di sterline (227 milioni di euro, n.d.r.) di entrate fiscali al governo. Tutti i giocatori di Premier vogliono fare e faranno la loro parte con significativi contributi finanziari in questi tempi senza precedenti, ma la riduzione del 30% dei salari ammonterebbe a un totale di oltre 500 milioni di sterline in tagli ai salari e una perdita di oltre 200 milioni di sterline in contributi fiscali al governo”.

LEGGI ANCHE:

  1. Premier League, l’Assocalciatori: “No al taglio del 30% degli stipendi, ecco perchè”
  2. Uefa, Ceferin: “Coppe e campionati da finire entro il 3 agosto”
Articolo precedentePremier League, l’Assocalciatori: “No al taglio del 30% degli stipendi, ecco perchè”
Articolo successivoMercato Milan Milik, il polacco del Napoli per il dopo Ibra

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui