Aritz Aduriz dice addio al calcio giocato

Aritz Aduriz dice addio al calcio giocato

Aduriz addio al calcio – trentanove anni e sentirli. Pesanti come un fardello o come quei gol che lo hanno reso grande, leggendario nei suoi Paesi Baschi, ma non solo.

Nato a San Sebastian nei Paesi Baschi l’11 febbraio del 1981, Aritz Aduriz lascia il calcio giocato perché un problema fisico lo tormenta da tempo e nelle scorse ore i dottori gli hanno consigliato una protesi all’anca perché la sua vita possa proseguire normalmente, non solo come giocatore, quello non lo sarà mai più. Ma proprio come persona.
405 presenze e 172 reti con la maglia più rappresentativa del calcio basco. Una delle realtà più amate al mondo per spirito di appartenenze e rispetto delle proprie tradizioni calcistiche: l’Athletic Bilbao, alla causa della quale Aduritz si è speso per un’intera carriera.

La parentesi al Valencia e il rientro a casa

13 presenze persino con la maglia spagnola, quella che ha fatto la storia del calcio mondiale a cavallo degli anni ’10, vincendo tutto; poi una parentesi con il Valencia 84 presenze e 23 gol, ma non era lo stesso che giocare a casa sua. E difatti il rientro con l’Athletic Bilbao nell’estate del 2012 per vivere tutta la storia più brillante della propria carriera, tra gol indimenticabili e atti d’amore per la sua squadra, i suoi tifosi e il suo popolo.

Voleva regalarsi un ultimo palcoscenico per restare nella leggenda, Aduriz, ma il Coronavirus si è messo di traverso anche al suo di destino. Ad Aprile si sarebbe dovuta tenere una storica finale di Copa del Rey tutta basca tra Athletic Bilbao e Real Sociedad. Ovviamente non si è fatto nulla e ovviamente lui, il giorno in cui si rigiocherà, al massimo potrà fare il tifo da fuori.

Il suo ultimo gol, un gol indimenticabile prima dell’addio al calcio

Aduriz dà l’addio al calcio giocato a 39 anni dopo aver segnato 158 reti nella Liga Spagnola, 24 in Copa del Rey e 37 tra Champions ed Europa League, turni di qualificazione compresi. Tra i suoi gol indimenticabili, quello nella prima giornata di questo campionato e che diede la vittoria contro il Barcelona al novantesimo. Un gol in sforbiciata, un gol che è un po’ il manifesto della sua carriera e che arriva dopo che il giocatore aveva messo piede in campo da pochissimi secondi. Quel gol è stato anche l’ultimo della sua carriera.

Tra l’altro, come rivela oggi Mundo Deportivo, Aduriz è stato più volte vicino a vestire la maglia del Barcelona. I loro destini si sarebbero dovuti incrociare in un’altra maniera. Tito Vilanova, infatti, quando era secondo di Guardiola, lo aveva consigliato più volte alla dirigenza perché vedeva in lui un giocatore ideale per la squadra catalana. Una sorta di regista offensivo capace di dare quella forza nelle palle alte che in quegli anni al Barcelona trovava riscontro solo nella capacità e nel fisico di Puyol e Piquè.

Questo è il messaggio, invece, apparso sui suoi social, dove Aritz Aduriz annuncia l’addio al calcio giocato:

Resta aggiornato. Ti invieremo una mail solo per le novità


Non ti preoccupare niente SPAM , lo odiamo quanto te.


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/europac3/public_html/wp-content/themes/trendyblog-theme/includes/single/post-tags-categories.php on line 7

About author

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply