Antonio Conte è uno degli allenatori più ambiti e corteggiati del panorama calcistico mondiale. Dopo aver lasciato il Tottenham nel marzo 2023, a seguito dell’eliminazione dalla Champions per mano del Milan, il tecnico salentino si è preso un anno sabbatico per ricaricare le energie e valutare le migliori offerte per il suo futuro. Ma qual è la verità sulle sue intenzioni e sulle sue possibilità?

Antonio Conte, il sogno di De Laurentiis

Il Napoli è la squadra italiana che ha mostrato maggiore interesse per Conte. Il presidente Aurelio De Laurentiis, deluso dalla stagione dei Campioni d’Italia in carica, guidati da Walter Mazzarri, vorrebbe affidare la panchina azzurra al vincitore di tre scudetti con la Juventus e uno con l’Inter. Già ad ottobre, mentre la panchina di Rudi Garcia era in bilico, il patron napoletano aveva provato a convincere Conte a subentrare, ricevendo però un rifiuto. Conte, infatti, non vuole accettare incarichi a stagione in corso, ma ripartire da zero con un progetto solido e ambizioso.

Da questo punto vista, il Napoli rappresenterebbe la squadra che più di altre in Italia potrebbe accontentare le richieste economiche e tecniche di Antonio Conte. De Laurentiis, infatti, ha intenzione di tornare alla carica a fine stagione, sperando di trovare Conte ancora libero e disponibile. Il Napoli, inoltre, potrebbe offrire al tecnico salentino la possibilità di riaprire un ciclo vincente, dopo quello interrotto con l’addio di Maurizio Sarri e la vittoria dello Scudetto con Spalletti.

Milan, la tentazione rossonera

Il Milan è un’altra squadra che ha fatto il nome di Conte per il dopo Pioli. Il tecnico emiliano, infatti, non sembra avere la fiducia totale della dirigenza rossonera, nonostante abbia portato il Milan al terzo posto in campionato e agli ottavi di finale di Champions League. La dirigenza rossonera, però, ha anche altre opzioni sul tavolo, come quella di puntare su un profilo più emergente e innovativo.

Conte, dal canto suo, potrebbe essere attratto dalla sfida di riportare il Milan ai vertici del calcio italiano ed europeo, dopo anni di delusioni e mediocrità. Il tecnico salentino, inoltre, ha un ottimo rapporto con Zlatan Ibrahimovic, che potrebbe essere il suo punto di riferimento nell’ambiente rossonero. Il Milan, però, dovrebbe fare i conti con le richieste economiche di Conte, che non sono alla portata di tutti.

Le altre big d’Europa, un mercato in fermento

Conte, però, non ha solo il Napoli e il Milan come possibili destinazioni. Il tecnico salentino, infatti, è seguito con attenzione anche da diverse big d’Europa, che potrebbero cambiare allenatore a fine stagione. Tra queste, ci sono il Liverpool, il Barcellona, il Manchester United e il Newcastle, che hanno già annunciato o sono vicini a farlo l’addio dei rispettivi tecnici Klopp, Xavi, Ten Hag e Howe. Conte potrebbe essere tentato da una di queste panchine prestigiose, che gli offrirebbero la possibilità di competere per i trofei più importanti e di lavorare con rose di alto livello.

Non solo. Ci sono anche altre squadre che potrebbero pensare a Conte in caso di separazione dai loro attuali allenatori. Tra queste, ci sono l’Arsenal di Arteta, il PSG di Luis Enrique e il Bayern Monaco di Tuchel, che non stanno vivendo stagioni esaltanti fino a questo momento e potrebbero decidere di cambiare rotta.

Conclusioni

Insomma Antonio Conte ha l’imbarazzo della scelta e potrebbe aspettare fino all’ultimo per valutare le offerte più allettanti e convincenti. L’ex tecnico di Juventus e Inter non ha fretta e vuole essere sicuro di fare la scelta giusta, quella che gli permetterà di vincere subito o di riaprire un ciclo vincente.

Articolo precedenteLazio-Bayern Monaco, Immobile: ” Missione difficile ma stimolante, Champions un premio”
Articolo successivoInter: Taremi come Zielinski, anzi no: visite mediche rinviate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui