spot_img
HomeSerieANapoliAncelotti: "Sarri? Il suo legame con i napoletani è stato molto forte"

Ancelotti: “Sarri? Il suo legame con i napoletani è stato molto forte”

-

INTERVISTA ANCELOTTI SARRI –

Giornata particolare in casa Napoli: oggi compie 60 anni il mister, Carlo Ancelotti.

Il tecnico è stato protagonista di un’intervista al Corriere dello Sport, di cui vi proponiamo alcuni stralci. 

Ecco le sue parole:

RUOLO FONDAMENTALE NEL PERCORSO – “In tanti mi hanno aiutato. Liedholm si è preso cura di me, mi insegnò un sacco di cose, anche a stare al mondo. Era sempre calmo, imperturbabile e risolveva le questioni con serenità. Prima di lui Giorgio Visconti, il mio allenatore negli allievi del Parma, e Bruno Mora. Diciamo che Mora era un maestro, mi insegnò a muovermi, a fare delle scelte.. Arrigo Sacchi è stato il numero uno, in particolare ci ha aperto gli occhi nella preparazione. Non mollava mai, è sempre prodigo di consigli, dopo ogni partita arriva la sua telefonata”.

PARTITE MIGLIORI DELLA CARRIERA – “Le partite più belle della mia carriera? Sono tante, ma dico Milan-Manchester e la finale di Instanbul. Contro il Liverpool fummo fantastici, loro le provarono tutte pur di arrivare ai rigori. L’ho rivista tre settimane fa quando l’ha data Sky: una sola volta in quattordici anni. La partita peggiore invece è stata Bologna-Milan. Distrussi lo spogliatoio, giocammo malissimo rischiando di compromettere la qualificazione alla Champions. Poi anche quella in coppa di Francia con il PSG, mi incazzai con Verratti e diedi un calcio a un cartone che finì sulla testa di Ibrahimovic. Ma sono stati brutti anche i 20 minuti con l’Arsenal di quest’anno, inspiegabili”.

MODULO – “Quest’anno abbiamo fatto cose nuove, penso alla costruzione da dietro con due o tre centrali. Ho uno staff giovane che mi tiene vivo e aggiornato. Mio figlio è la voce critica, forse anche per via della confidenza. Lo ascolto, come ascolto tutti. 4-4-2? E’ un sistema che permette di coprire molto meglio il campo, migliora l’aspetto difensivo, anche se questa stagione ci è pesata molto l’assenza di Albiol. Anche se devo dire che i giocatori sono stati disponibilissimi al cambiamento”.

Infine, un commento sul possibile approdo del suo predecessore (a Napoli, si intende) sulla panchina della Juventus:

SARRI –Il legame tra Sarri e i napoletani è stato molto forte, così come la sua adesione al progetto e alla napoletanità. E’ comprensibile che qualcuno la viva male ma Sarri è un professionista e a volte il mestiere ti porta a fare delle scelte che disorientano“. 

Chissà che, alla fine, la lotta scudetto della prossima stagione non metta a confronto proprio Sarri e Carletto: “Il mio primo anno qui è stato di transizione – commenta Ancelotti -. Adesso, la fionda è tirata e pronta a colpire”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Must Read

Inter e Milan su Barak, derby milanese per il fantasista dell’Hellas

0
INTER MILAN BARAK - Antonin Barak è sempre più leader di questo Verona, letteralmente rinato sotto la guida di Igor Tudor. Pur se assente nell'ultima...