Carlo Ancelotti, tecnico del Real Madrid ed ex allenatore del Milan, ha scritto un’altra pagina di storia del calcio con un record

Non poteva che farsi incoronare in Inghilterra, nella Patria dei Re per eccellenza: Carlo Magno conquista anche Wembley con il suo Real Madrid e iscrive il proprio nome per la quinta volta nella storia della Champions League e del calcio, record assoluto per un allenatore. Partendo da Manchester, passando per Atene, Lisbona, Parigi e Wembley, appunto: un viaggio lungo ventuno anni, non senza ostacoli, con qualche incredibile tonfo, come, ad esempio, quello di Istanbul, alla guida del Milan. In fondo, ogni grande conquistatore ha la propria Waterloo, ma la capacità di Carlo Ancelotti, tecnico in grado di scrivere un’altra pagina di una storia infinita, di quelle da tramandare nei secoli, è stata quella di rialzarsi e riconfermarsi, la parte più complicata del vincere.

Borussia Dortmund-Real Madrid: Ancelotti da record

Il tutto, con il solito aplomb, la solita sagacia di chi è perfettamente consapevole di quanto questa competizione abbia un proprio percorso, segua un proprio destino. E per la quindicesima volta, conduce a Madrid. La finale di Wembley, contro il Borussia Dortmund, non ha rappresentato l’esaltazione del madridismo, ossia l’estetismo del calcio applicato alla vittoria, ma Ancelotti ha saputo plasmare una squadra senza centravanti, di fatto, rendendola pragmatica, letale, esperta nell’attendere il momento giusto per colpire.

Le reti di Carvajal e Vinicius hanno chiuso una contesa di una partita giocata su ritmi elevatissimi, resa elettrizzante dall’ottimo calcio in transizione di un Borussia di Terzic che torna a casa a testa altissima, ma a mani vuote. Chi, come solito, riesce ad alzare quella tanto ambita Coppa dalle grandi orecchie è sempre lui, Carlo Magno, il quale conquista un’altra città di un impero lungo due decenni. Un’eternità, nel calcio. Proprio a tre anni esatti dall’annuncio del ritorno sulla panchina delle Merengues (1 giugno 2021) e dopo aver conseguito la storica, Decima Champions League dell’inimitabile storia madrilena, Re Carlo Magno impone la propria egemonia in Inghilterra, per la seconda volta dopo Manchester, centrando un record assoluto di un allenatore che ha scritto capitoli indimenticabili del romanzo di questo sport. E non è ancora finita qui.

Articolo precedenteReal Madrid-Borussia Dortmund, finale CL sbloccata da Carvajal, poi Vinicius: è la quindicesima
Articolo successivoNapoli, ad oggi nessuna vera offerta per Osimhen: mercato bloccato

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui