[df-subtitle]Domani sera si giocherà PSG – Napoli, partita che potrebbe rivelarsi decisiva per il passaggio del turno, soprattutto per il Napoli che dopo aver battuto il Liverpool ha visto lievitare le possibilità di qualificazione. Nella consueta conferenza stampa alla vigilia del match, ha parlato il tecnico dei partenopei Carlo Ancelotti[/df-subtitle]

Queste le parole di Carlo Ancelotti nella conferenza stampa alla vigilia di PSG – Napoli:

“È una gara importante, ma non è già decisiva. L’impegno di domani è molto complicato, ma siamo abituati a giocare gare complicate in cui non partiamo favoriti. Dall’ultima partita che disputai a Parigi sono cambiate tante cose a Parigi che ha cambiato l’allenatore, non al Bayern che i problemi che aveva li ha anche adesso da quello che sento. Il mio stato d’animo è cambiato molto, l’anno scorso arrivai qui che sentivo la fiducia di 4-5 giocatori, ora sento la fiducia dei giocatori e di tutto l’ambiente. Non esistono squadre imbattibili nemmeno il PSG, è vero che hanno un potenziale incredibile davanti ma la gara col Liverpool ci ha dato molta consapevolezza ed in pochi ci credevano. Dobbiamo mostrare ciò che abbiamo, poi non so se servirà per vincere, ma è quello che vogliamo fare, mostriamo tutte le qualità contro una squadra formidabile contro una candidata a vincere la Champions. Noi dobbiamo concentrarci sul nostro gioco, sulla nostra strategia, come sempre, così i giocatori si sentiranno maggiormente a loro agio. Cos’è cambiato dopo la partita con il Liverpool? È cambiata l’attenzione, al di là della strategia, perché altrimenti non funziona, passa tutto in mano ai giocatori ed alla loro applicazione e coraggio. Se non hai coraggio puoi pure stare a casa, noi siamo qui per giocare. Ho accettato il Napoli per tre cose: il progetto del club, la qualità dei giocatori e la bellezza di Napoli. E’ ipotizzabile sicuramente cambiare strategia perché qualitativamente sono due grandi squadre, ma diverse PSG e Liverpool. Non ci interessa essere favoriti perché non significa niente, anche se quando sono usciti i gruppi il Napoli era la terza squadra del gruppo. Arrivare qui e dire il Napoli è temibile ci fa solo piacere, qui mi fermo. Verratti è un giocatore importante, uno dei migliori centrocampisti che ho avuto. Tuchel l’ho incontrato in Germania a Dortmund, siamo amici, abbiamo parlato a Ginevra, spero vada bene per lui qui per far crescere il PSG. Diawara può giocare domani, è tornato dalla nazionale in buone condizioni. E’ vero, non l’ho utilizzato molto, ma ogni volta mi ha soddisfatto. E’ molto giovane, può migliorare ed abbiamo molta fiducia in lui, ha solo bisogno di tempo per crescere.”

Articolo precedenteL’organizzazione del Napoli è un’arma in più. Il Psg ha davanti calciatori di grande classe”
Articolo successivoRoma – CSKA Mosca: le formazioni ufficiali

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui