spot_img
HomeSerieAJuventusAllegri sulla Juve: "Rapporto chiuso in modo naturale, dissi no al Real"

Allegri sulla Juve: “Rapporto chiuso in modo naturale, dissi no al Real”

-

ALLEGRI SULLA JUVE – Ospite di “Sky Sport” per commentare il successo del Napoli in casa della Roma, Massimiliano Allegri parla di sé e torna anche sul suo addio alla Juventus di maggio 2019.

Così il tecnico livornese: “Io al Napoli o alla Roma? Non so ancora niente. Mi fa piacere essere qui, fare una chiacchierata. È un po’ che non chiacchiero. Ho visto poche partite, quando non alleno ne vedo poche, non mi diverto. Ora ne ho viste per cercare di capire le sostituzioni, ma non ne indovinavo una. Ho visto Tottenham-Bayern l’anno scorso e il Bayern mi fece una buona impressione. Ho fatto delle riflessioni, penso che per il calcio italiano dobbiamo rimboccarci tutte le maniche. Credo che le eliminazioni delle italiane debbano farci riflettere. Spesso si parlava di me in contrapposizione ai ‘giochisti’. Io sono cresciuto con allenatori vecchio stile e credo che non sia tutto da buttare né questo né quello. Il calcio è roba seria, serve equilibrio. Bisogna mettere al centro di nuovo il giocatore e lavorarci. La tattica serve, ma poi in Europa affronti giocatori che passano la palla a 100 all’ora. Dobbiamo farci delle domande, riprendere a lavorare sui settori giovanili e sulla tecnica individuale. A me dispiace dirlo, ma i giocatori sono diventati uno strumento per dimostrare che gli allenatori sono bravi“.

ALLEGRI SULLA JUVE

ALLEGRI SULLA JUVE – Sulla Juventus: “Io alla Juventus sono stato cinque anni benissimo, la chiusura è arrivata in modo naturale. Mi dispiace che la Juventus abbia perso, ma dobbiamo dare meriti al Benevento. Non guardiamo sempre le cose negative, il Benevento oggi ha fatto una partita per cui ha meritato di vincere, ha preparato bene la gara. Parliamo anche di chi fa le cose per bene e non solo di chi le fa male. 

Cosa mi aveva detto Agnelli? C’è stata una diversità di vedute. Alla Juventus devi vincere. Se sapevo di Sarri? No, assolutamente. Non ce ne siamo nemmeno resi conto, è stata una chiusura naturale. La scelta è stata del presidente ovviamente, ma con lui sono rimasto in ottimi rapporti. Cono stati cinque anni fantastici e irripetibili, c’era tanta positività, sono state fatte delle scelte di mercato importanti“.

Poi: “Tre anni fa quando il Presidente del Real Madrid mi chiamò, dissi che sarei rimasto alla Juventus. Ora mi hanno chiamato anche di recente ma ho detto di no: voglio tornare a giugno. Ho voglia di tornare, mi mancano i giocatori perché da loro ho imparato tanto nel corso della mia carriera. I grandi giocatori non hanno interesse della zona, di altre cose ma vogliono l’uomo contro uomo, uno contro uno, vogliono misurarsi…“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Must Read

Mercato Lazio Luis Alberto, a gennaio può arrivare la cessione

0
MERCATO LAZIO LUIS ALBERTO - In occasione della finestra di mercato di gennaio, Luis Alberto potrebbe dire addio alla Lazio. Approdato nella capitale durante l'estate...