Alessandro Buongiorno è nato il 6 giugno 1999 a Torino. Ha iniziato la sua carriera calcistica nel settore giovanile del Torino, con cui ha vinto una Coppa Italia Primavera. Nel 2017-2018, a 18 anni, ha esordito tra i professionisti e in Serie A nella partita vinta per 4-1 contro il Crotone.

Buongiorno è un difensore centrale mancino molto fisico, valente nei contrasti e nel colpo di testa, dotato tecnicamente – dunque abile nell’impostazione del gioco – veloce e con un ottimo senso della posizione. Considerato uno dei migliori difensori della Serie A, si distingue per serietà, spirito di squadra, laboriosità e attenzione perpetua durante tutta la partita.

Il 12 luglio 2023, Alessandro Buongiorno ha rinnovato il suo contratto con il Torino fino al 30 giugno 2028. Tuttavia, il 25 settembre 2023, il giovane centrale granata ha subito un infortunio durante la partita contro la Lazio dopo aver compiuto un intervento difensivo su Ciro Immobile e ha dovuto alzare bandiera bianca. Dopo circa un mese il difensore classe ’99 è tornato in campo e ha continuato a dimostrare il suo valore.

Alessandro Buongiorno, il difensore del Torino che sfida le aspettative

La stagione attuale vede Alessandro Buongiorno affermarsi come uno dei pilastri della difesa del Torino. Con prestazioni costanti e leadership sul campo, il giovane difensore sta contribuendo in modo significativo alle ambizioni della squadra granata in Serie A. La sua abilità nel gestire situazioni difficili e nell’anticipare le mosse degli avversari lo rende un elemento cruciale per il Torino.

Le sue prestazioni non sono passate inosservate ai grandi club europei: il Milan continua a corteggiarlo, il Napoli ci ha provato ma non ha ancora mollato la presa e il Bayern Monaco sta agendo sotto traccia. Dal canto suo, il presidente del Torino Urbano Cairo è stato chiaro: “Lo ribadisco, non vendo Buongiorno! Ale rimane al Toro, com’è anche nei suoi desideri”.

Le prospettive per Alessandro Buongiorno appaiono promettenti. Il suo impegno, la leadership e le abilità difensive lo pongono come una figura chiave per il Torino e potrebbero aprirgli le porte per sfide ancora più ambiziose.

 

LEGGI ANCHE:

  1. Doig, il Sassuolo sbaraglia la concorrenza: accordo a un passo
  2. Sensi al Leicester, operazione rilancio: vicina l’intesa con gli inglesi
  3. Napoli, ci siamo per il rinnovo di Politano. Ma l’agente smentisce
  4. Lazio, Neuhaus dopo la cessione di Basic?
  5. Napoli, ufficiale l’ingaggio di Junior Traorè dal Bornemouth: il post
  6. Lazar Samardzic, il talento serbo che l’Udinese vuole trattenere
Articolo precedenteKean, addio Juve? Accordo vicino con l’Atletico
Articolo successivoNapoli: Mazzarri torna al passato, caccia al difensore: vicino Solet

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui