Verso Napoli vs Milan

Verso Napoli vs Milan

A Napoli, sabato prossimo la sfida col Milan di Montella, Kessie e Rodriguez

A si Gonfia la rete di Auriemma le assezioni di Atangana, agente di Kessie: L’Italia fuori dal Mondiale è un dramma per tutti perché parliamo di una Nazione che quando manca è sempre una perdita. Vedere Buffon piangere è stato toccante e c’è da riflettere e capire dove si è caduti guardandosi indietro”.

Kessie?

Atangana: “Le grandi squadre cercando di prendere sempre calciatori di valore e su di lui non c’era solo il Napoli. Ho valutato ogni progetto e scelto quello migliore per lui prendendo in esame ogni aspetto. Veniva da una società media e il Milan credo sia stata la scelta migliore perché lì iniziava un nuovo ciclo. Il Milan ha seguito Kessie dimostrando il suo interesse ed è stato corretto e deciso nel volerlo accontentando le nostre richieste. Montella è stimato da giocatori e società e credo sia un allenatore che vale per cui credo che il Milan andrà avanti con lui. Sabato il Napoli avrà di fronte un Milan rigenerato, fiducioso e consapevole della sua forza per cui avrà voglia di dire la sua. Sarà una bella partita al San Paolo, di grande livello”. 

Gianluca Di Domenico a radio Crc le asserzioni dell’agente di Rodriguez: Sono deluso per la mancata qualificazione della nazionale Italia, da italiano. La situazione attuale di Ricardo è che  sta bene, può giocare ed è contentissimo perchè la Svizzera adesso è la più forte della sua storia, è riuscito ad aiutare la sua nazionale ad arrivare al Mondiale, a Napoli troveremo un Ricardo felice e al massimo della forma“.

L’edizione odierna di Repubblica riporta delle asserzioni di alcuni amici di Montella tra cui Mimmo Alaia:

Alaia:Ma abbiamo cominciato assieme nei pulcini del San Nicola, giocavamo entrambi in attacco. Lui segnava cinquanta goal ed io venticinque. Eravamo vicini di casa e lui è stato pure il mio padrino di cresima. Ci sentiamo spesso, sono stato a trovarlo varie volte. Vincenzo torna appena è libero. Pensate, da bambino Vincenzo voleva fare il portiere. Ma era troppo piccolo e quindi gli cambiarono quasi subito ruolo”

 Vincenzo Riccio amico di Montella, era un centrocampista in serie B, adesso a Brusciano, è responsabile di una scuola calcio: “Ho  in gestione lo stadio comunale. È diventata una missione. Ho circa trecentocinquanta ragazzi, con me ha giocato pure suo nipote, Francesco Montella. Con Vincenzo, ci vediamo soprattutto durante il periodo natalizio. Ma parliamo pochissimo di calcio”. 

Al Milan sembra che la panchina sia traballante

Papa amico di Montella Perché il Milan ha cambiato tanto e lui ha già vinto l’anno scorso una Supercoppa. Credo che abbia dimostrato il suo valore”.

Lo difende anche  Mimmo: “Litigo con tuttipure in paese. Non è mica colpa sua se il Milan sta avendo qualche passaggio a vuoto. È stata costruita una squadra daccapo e non sono arrivati fenomeni, ma solo buoni giocatori. Ci vuole tempo”. 

Sabato prossimo c’è la gara col Napoli, Mimmo: “Ho sperato tanto che venisse in azzurro era una delle opzioni di De Laurentiis. Poi non se n’è fatto nulla per la clausola rescissoria che aveva nel contratto con la Fiorentina. Mi sarebbe piaciuto vederlo al San Paolo, sono un grande sostenitore del Napoli”.

Aldo Papa un altro amico: Vincenzo tifava Milan quando era piccolo proprio come me. È una passione che ci ha sempre accomunato. Per questo mi auguro che possa conquistare un risultato positivo al San Paolo”.

Vincenzo Riccio:Lo confesso, da ragazzo avevo simpatie juventine. Adesso seguo l’Avellino dove ho giocato, ma soprattutto sono legato a Vincenzo e mi auguro che faccia bene”.

Vuoi essere sempre aggiornato ?

Previous Agente Kondogbia: "Geoffrey vuole restare a Valencia. Sull'Inter..."
Next Amichevoli verso Russia2018, Inghilterra-Brasile: le probabili formazioni

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply