Ventura: “La Nazionale? Qualcosa di più grande di me. Pagato in modo violento”

Ventura: “La Nazionale? Qualcosa di più grande di me. Pagato in modo violento”

L'ex CT rompe il silenzio

Print Friendly, PDF & Email

Ventura: “Nel calcio ci sono sempre tante verità”

In occasione di una premiazione ricevuta a Serrazzano, località in provincia di Alessandria, Giampiero Ventura torna a parlare a quasi tre mesi di distanza dalla storica e cocente eliminazione dell’Italia dai Mondiali in Russia di quest’estate, avvenuta dopo la doppia sfida nei play-off contro la Svezia.

L’ex allenatore di Cagliari e Torino aveva preso il posto di Antonio Conte nell’estate 2016.

Queste alcune delle dichiarazioni dell’ormai ex CT: “Sono reduce da un qualcosa che era più grande di me, e quindi ho pagato in maniera anche abbastanza violenta quest’ultima esclusione. Nel calcio non c’è mai una persona che vince ma non c’è mai neppure una sola persona che perde. Ci sono sempre tante verità, quando poi usciranno sarà tutto molto più chiaro. Ho una voglia feroce di ripartire per un semplice motivo: oggi ho bisogno di dare risposte e voglio darle, perché 35 anni non li puoi cancellare con due mesi, la mia avventura è finita un minuto dopo aver perso in Spagna. Voglio riprendermi i miei 35 anni perché me li sono guadagnati sul campo e l’unico modo per farlo non è facendo polemiche o dichiarazioni, ma attraverso il calcio giocato e i risultati e quello che io ho la presunzione di poter fare“.

Previous Skriniar, l'agente: "L'Inter ha rifiutato 65 milioni"
Next MVP Europa: Leon Bailey