Torino 1 vs Napoli 3: Conferenza Stampa di Sarri

Torino 1 vs Napoli 3: Conferenza Stampa di Sarri

Print Friendly, PDF & Email

Stefan Schwoch: “Il Torino non è una squadra facile da affrontare, viene da cinque risultati utili di fila ed è in forma, è una gara delicata con la compagine di Sarri”

Stefan Schwoch, ex calciatore, le sue asserzioni a Radio Goal, ecco quanto evidenziato da europacalcio.it

La compagine del Torino non è una squadra facile da affrontare, viene da cinque risultati utili di fila ed è in forma, una gara delicata. Il Torino  di Mihajlovic mette molto la sfida sull’aspetto caratteriale. Il Napoli, invece, è un pò  in difficoltà fisicamente perché hanno giocato quasi sempre gli stessi ma ha i mezzi per venirne fuori.”

Schwoch: “Insigne è un valore aggiunto e può fare la differenza

.. ci sono i presupposti per andare all’Olimpico e fare bene. Mertens, non si deve abbattere e deve restare convinto delle sue doti pensando al calcio in maniera totale e capendo che in una annata ci sono momenti positivi e momenti negativi. A volte dipende anche dagli altri. In un altro momento contro la Fiorentina avrebbe fatto goal, deve continuare a lavorare perché, tanto, il Napoli gli offrirà sempre possibilità per trovare la via della rete.”

Schwoch: “Mihajlovic fa bene a temere il Napoli

…un risultato negativo non pregiudicherebbe tutto in ottica scudetto, la squadra c’è. A livello psicologico, però, si potrebbe accusare il contraccolpo ma il Napoli ha la forza per lottare per il titolo”.

Hamsik eguaglia il Pibe de Oro, e il tanto atteso goal  centoquindici è giunto al traguardo

Hamsik, capitano del Napoli, le sue asserzioni a Sky e Premium Sport la vittoria sul Torino,  quanto evidenziato da europacalcio.it:E’ un bell’effetto aver raggiunto come Maradona, centoquindici goal da centrocampista e, non sono pochi. Siamo contenti per la prestazione, perchè la partita poteva finire più di tre reti a uno, siamo ritornati quelli di prima. Non so se è un vantaggio essere lassù, ma ci aiuterà a far capire che siamo una squadra forte e che dobbiamo lottare fino alla fine. Dopo tre partite contava vincere, i risultati non erano stati ottimi. Ultimamente stavo bene, finalmente è arrivato questo goal, sono felice. Il primo goal ci ha liberato mentalmente, dopo abbiamo espresso il nostro calcio migliore. L’Inter ha perso in casa, questa sconfitta ci  caricati di piùper ottenere il risultato”.

Il Presidente del Napoli Aurelio de Laurentiis scrive su Twitter congratulandosi con il capitano in testa alla classifica dei marcatori della historia azzurra:

Complimenti a tutta la squadra e a Sarri. Sono particolarmente felice per Hamsik che ha raggiunto Maradona, non avevo dubbi che lo avrebbe fatto presto. Sono anche contento per il rientro di Insigne”.

Mihajlovic, triner del Torino, e le sue asserzioni 

a Premium:“Quando il Napoli gioca così è difficile contenerlo. Sono più forti di noi e non c’e’ nulla da dire. Dopo trenta  minuti era tre reti a zero per loro. Mi è piaciuta la voglia di lottare anche sul tre a zero. Abbiamo avuto un’occasione sprecata da Baselli. Poi abbiamo cambiato modulo. Con Iago c’è stata la possibilita’ di segnare il tre a due. Poi con l’infortunio di Ljajic, che si e’ stirato, la partita è terminata lì. Noi marchiamo a zona. Per la difesa a zona la palla più difficile è quella spizzata. Koulibaly è stato bravo. Anche Zielinski si è inserito bene. E’ stato un ciclo duro di partite. Speriamo che Belotti continui e non si fermi più. La rabbia di Ljajic, ha fatto quello che doveva fare, poi nel nostro momento migliore si è fatto male e siamo rimasti in dieci. Anche col Bologna si è infortunato Belotti e siamo andati in difficoltà. Insigne è un grande giocatore, ma il Napoli non è solo lui, ci sono tante individualità. Avesse giocato Insigne forse non avrebbe fatto goal, al suo posto è andato in rete Zielinski. Rispetto all’anno scorso, non abbiamo mollato contro il Napoli. Contro di noi si scatenano: hanno fatto quattro tiri in porta e tre  goal“.

Maurizio Sarri, trainer del Napoli, e le sue asserzioni:

Sarri:I numeri non possono mentire. Dal punto di vista fisico erano i migliori della stagione. E’ difficile parlare di stanchezza con questi numeri. Magari c’è stata un pò di apatia mentale. Però già contro la Fiorentina abbiamo fatto un secondo tempo di alto livello. Abbiamo concretizzato molto bene contro i granata nel primo tempo.”

La sconfitta dell’Inter?

Sarri:Come abbiamo detto a Rotterdam, nel 2017 è impossibile nascondere i risultati degli altri. Sapevamo il risultato dello Shakhtar in campo, come sapevamo il risultato dell’Inter durante il nostro riscaldamento. Magari sono dettagli che possono darti la voglia di riprendere il primo posto in classifica, come metterti un pò di pressione.”

Hamsik

 Sarri: “Stiamo parlando di un giocatore di un livello straordinario. Quando un giocatore ha le sue qualità, se fa quattro cinque  partite di un livello inferiore bisogna dargli fiducia perchè si ha la certezza che ti ripagherà.. Ha fatto goal, ma giocava bene già da qualche partita.”

Mario Rui 

Sarri: Non può avere la forza fisica di Ghoulam, ma ha dimostrato personalita’. Mario Rui dal punto di vista tecnico è un buon giocatore. Ghoulam è uno dei top nel suo ruolo in Europa“.

 La giacca e la cravatta le hanno portato bene

Sarri:Era più un scherzo al presidente. Il nodo alla cravatta l’ho fatto per anni, anche se ora sembro un cialtrone, ero piuttosto bravo a fare il nodo”.

 

Previous Torino - Napoli 1-3: cronaca,tabellino e interviste
Next Bundesliga: Ulreich salva il trionfo del Bayern parando un rigore al 95'

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply