Punto della settimana – 37a giornata

Punto della settimana – 37a giornata

Print Friendly, PDF & Email

PUNTO DELLA SETTIMANA: LA JUVE È CAMPIONE D’ITALIA PER LA SETTIMA VOLTA CONSECUTIVA – DOMENICA C’È LAZIO – INTER: SOLO UNA  VA IN CHAMPIONS – LOTTA RETROCESSIONE: TREMANO IN QUATTRO.

Punto della settimana, la rubrica di EuropaCalcio.it che commenta e analizza quanto accaduto nella 37a giornata del Campionato italiano di Serie A, ed. 2017/2018.

Erano anni che il Campionato di Serie A non era così avvincente e incerto. Ieri con il pareggio dell’Olimpico  contro la Roma (0-0) la Juventus si è laureata  Campione d’Italia con una giornata di anticipo. Un pareggio che tutto sommato, era nell’aria, dopo la sconfitta dell’Inter nell’anticipo… Una partita noiosa, quella tra la prima e la terza della classe, soprattutto nell’ultima mezz’ora…

Invece, a suon di goal e spettacolo  del Napoli passa a Genova contro la Sampdoria (0-2) e contro il razzismo  grazie alle reti di Milik e Albiol.  brutto episodio di cronaca non sportiva alla mezz’ora della ripresa quando l’arbitro  Gavillucci  è costretto fermare il gioco per 3 minuti per discriminazione territoriale. Il Presidente doriano Ferrero scende dalla Tribuna per andare a parlare i tifosi della gradinata sud, nel tentativo di riportare la calma. Annullato dall’arbitro e non concesso dal VAR  un goal a Mertens nel primo tempo… Insomma, tra razzismo e il VAR non applicato come si dovrebbe… un’altra pagina bruttissima che macchia indelebilmente il nostro calcio e la sua regolarità…

Lotta per l”Europa

Domenica prossima all’Olimpico andrà in scena un vero e proprio spareggio tra Lazio e Inter. Infatti la Lazio non va oltre il pareggio a Crotone (2-2) e, nell’anticipo di sabato, l’Inter viene battuta a domicilio dal Sassuolo (1-2). Ai biancocelesti serve minimo un pareggio per c’entrare l’ambito traguardo mentre, ai nerazzurri, è necessaria una vittoria per garantirsi l’accesso alla competizione più importante d’Europa.

Dopo il pareggio a Bergamo (1-1) il Milan è certo di essere in Europa League ma per evitare i preliminari e conservare il sesto posto deve battere la Fiorentina a San Siro. L’Atalanta è ad un passo dal fare lo stesso. Deve battere il caglairi e sperare in un paso falso di Gattuso e C.

La Fiorentina di mister Pioli è matematicamente fuori dall’Europa. Infatti, la viola è costretta alla resa tra le mura amiche dal Cagliari (0-1) griffato Joao Pedro tornato in rosa (e in campo) dopo l’accusa di doping. Il goal vittoria è dell’ex Napoli Pavoletti.

Zona retrocessione.

Le vittorie del Chievo sul Bologna (1-2) al Dall’Ara e del Cagliari a Firenze contro  Fiorentina (0-1) inguaiano Crotone e Spal che adesso sono quelle più a rischio retrocessione. Nonostante ciò, sarà l’ultimo turno a sancire chi farà compagnia a Benevento e Verona in cadetteria. Il Crotone sarà impegnato a Napoli,  la Spal riceve la Sampdoria, il Cagliari si gioca la A con l’Atalanta cerca punti punti per scavalcare il Milan ed evitare così  i preliminari di Europa League.

Attenzione al Chievo che, riceve sì il Benevento ma, i sanniti non concedono niente a nessuno, nemmeno al Genoa, battuto al Vigorito per 1 a 0  grazie a un goal di Diabatè. I campani, nel limite delle loro possibilità, hanno onorato fino all’ultimo il torneo e reso incerto l’esito di tutte le loro gare, nonostante il destino quasi certo dopo un inizio choc in massima serie. Molti club attualmente in A farebbero bene  – per l’anno prossimo – a prendere a esempio dalla simpatica formazione giallorossa

EuropaCalcio © RIPRODUZIONE RISERVATA

Previous Roma, De Rossi: ''Emozionato dal Napoli di Sarri, noi in crescita. Ci manca...''
Next Pensieri e parole EC: la redazione sui temi della Serie A ed estero [14 maggio 2018]