Juventus, Chiellini: ”Qui mi sento in famiglia, rosa di alto livello, tutti gli obiettivi raggiungibili”

Juventus, Chiellini: ”Qui mi sento in famiglia, rosa di alto livello, tutti gli obiettivi raggiungibili”

Print Friendly, PDF & Email

Chiellini e la Juventus con la consueta mentalità vincente

Giorgio Chiellini, difensore della Juventus ha parlato in esclusiva Sky Sport sul 2018 che attenderà il club bianconero. Queste le sue parole partendo dalla lotta Scudetto con il Napoli secondo:

Con Sarri hanno trovato un modo di giocare che esalta le caratteristiche dei propri giocatori. Con il massimo rispetto noi facciamo la corsa su noi stessi, non per presunzione ma perché conta questo, pensare di partita in partita, vincere , i conti si fanno alla fine”.

Non c’è priorità di vittorie: ”L’obiettivo dei sette scudetti, la quarta Coppa Italia e la Champions, tutti raggiungibili, non irrealizzabili, abbiamo una rosa per arrivare in fondo a tutto. Le chiacchiere le porta via il vento, dobbiamo far parlare i fatti iniziando dal difficile quarto di Coppa Italia contro il Torino, ci teniamo”.

La Juventus si è ritrovata e pare non sbagliare più un colpo: ”Dispiace aver preso gol sabato. Si parla di cambi moduli, giocatori, i numeri lasciano il tempo che trovano. E’ cambiato l’approccio dopo Genova, per raggiungere i risultati ed essere la Juve solita che ha vinto tutto serviva qualcosina in più. Magari non si rende conto ma ti manca qualcosina per arrivare prima degli avversari, fare una corsa in più: in questo mese e mezzo si è rivisto lo spirito giusto che ci deve accompagnare fino a fine maggio”.

Dybala:E’ sotto gli occhi dei riflettori, il nostro numero 10, giocatore di qualità immensa. Era successo ad Higuain e tanti altri giocatori perché abbiamo una rosa di talmente alto livello che è difficile tenere fuori qualcuno. La nostra forza dev’essere sempre quella di rispondere in campo”.

Il rinnovo di Chiellini:Periodo molto serrato, mi troverò con il Presidente ma non sono attese sorprese o colpi di scena particolari. Come ho ripetuto più volte, qui sono in famiglia”.

La base italiana in squadra: ”Un pò di italianizzazione della squadra, sono arrivati De Sciglio e Bernardeschi, la speranza siano presente e futuro di questa squadra. Sturaro e Rugani sono qui da un pò e sono importanti. L’idea è sempre quella di avere una base italiana, gli occhi sono sempre vigili sui ragazzi italiani che stanno venendo fuori”.

Previous Goretzka-Bayern, il ds dello Schalke: "Nulla di vero"
Next Nainggolan, arrivano le scuse: "Sono andato oltre"

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply