ESCLUSIVA EC – Fanna: “Atalanta grande realtà, stasera sarà una bella gara”

ESCLUSIVA EC – Fanna: “Atalanta grande realtà, stasera sarà una bella gara”

EuropaCalcio.it ha intervistato il doppio ex della sfida di oggi

Print Friendly, PDF & Email

Fanna: “La squadra di Gasperini non avrà nulla da perdere. Ormai il fattore campo conta relativamente”

Questa sera, alle ore 20,45, andrà in scena la gara di andata di semifinale di Coppa Italia tra Atalanta e Juventus. la gara si giocherà allo stadio “Atleti Azzurri d’Italia”, fortino dei bergamaschi. Entrambe le squadre stanno attraversando un ottimo periodo: i nerazzurri sono reduci da quattro successi esterni consecutivi in campionato, l’ultimo sabato pomeriggio in casa del Sassuolo con un netto 3-0, mentre la squadra di Allegri, dopo il pari casalingo contro l’Inter, ha conquistato ben otto successi consecutivi tra campionato e Coppa Italia.

Per l’occasione, “EuropaCalcio.it” ha raggiunto telefonicamente Pietro Fanna, ex calciatore che durante la carriera ha vestito sia la maglia dell’Atalanta (biennio 1975-1977) sia quella della Juventus dal 1977 al 1982.

Pietro, visti i sorprendenti risultati, che giudizio si può dare a questa Atalanta? 

L’Atalanta è una grande realtà dall’anno scorso. E’ una provinciale che tiene testa alle grandi, fa ciò che tante altre squadre di provincia vorrebbero fare. Si tratta di una società molto bene organizzata che lancia anche tanti giovani“.

Domani sera che gara dovranno disputare i nerazzurri per cercare di battere la Juventus? 

La squadra di Gasperini non ha nulla da perdere, dovrà fare per forza una grande gara. Il fattore campo ormai conta relativamente“.

Quali giocatori tra Atalanta e Juventus potrebbero venire in risalto? 

Entrambe giocano un calcio propositivo, basato sul collettivo. Non a caso sia nell’Atalanta che nella Juventus segnano molto anche i difensori e i centrocampisti. Tutte e due le squadre daranno spettacolo e verrà fuori una bella gara“.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione dell’articolo è consentita previa citazione della fonte.

Previous Pellegri: "Ecco perché ho scelto il Monaco"
Next Napoli: “Politano e la Juventus che non c’era?”