Che Fiorentina nel ricordo di Davide Astori

Che Fiorentina nel ricordo di Davide Astori

Print Friendly, PDF & Email

Davide Astori, difensore e capitano recentemente scomparso: l’ambiente viola e non solo lo ricorderà per sempre

Dopo il dramma di Davide Astori, c’erano due strade possibili: deprimersi e sprofondare in classifica oppure compattarsi, onorare la sua memoria e dare il massimo fino al termine della stagione. La Fiorentina ha scelto la seconda strada.
Dalla gara successiva a quel triste 4 marzo di Udine fino alla trasferta contro la Roma, i viola hanno vinto tutte le gare: tre punti in cinque gare consecutive contro Benevento, Torino, Crotone, appunto il recupero con l’Udinese e infine il colpo esterno a Roma, avversari giallorossi.

La sequenza di vittorie si è interrotta con il pareggio interno contro la Spal ma è proseguita la striscia di risultati utili consecutivi, risultati che hanno portato la Fiorentina51 punti, settimo posto in classifica a due punti dal Milan.

Solo applausi per il gruppo toscano: meriti del mister Stefano Pioli e dei giocatori che scendono in campo con il capitano nel cuore, rendendo ogni partita speciale. A proposito di capitano, lo è diventato Germán Pezzella. Il giovane argentino non perde occasione per dedicare ogni risultato, ogni momento in campo e nello spogliatoio ad Astori:Vinto per lui, manca tanto. La nostra forza è il gruppo, avere la fascia è un grande onore ma lui sarà sempre il nostro capitano. Nello spogliatoio c’è la sua foto”.

Sarebbero tante le parole da riportare, i gesti da sottolineare legati ad Astori: la sua comparsa in un Presepe a Napoli, i tributi in tutta Europa tra filmati nei maxischermi, applausi e striscioni.

Davide, ragazzo pulito, educato, dai grandi valori: vero esempio di uomo e professionista.

Author: Alessandro Collu

Giornalista pubblicista e laureato magistrale in Editoria e giornalismo, triennale in Lingue e comunicazione, appassionato di calcio italiano e internazionale (soprattutto Inghilterra e Spagna), tecnologia e viaggi. Attualmente inviato a Verona dove segue le squadre della città da qualche anno.

Previous Punto sull'Europa: Paris Saint Germain e Manchester City vincono il titolo
Next Nicchi: "Con la riforma rischiamo una nuova Calciopoli. Su Buffon..."